Tag Archives: Adriano

Tarte al limone

clicca sulle immagini per ingrandirle

“Ah Chià, ho il dolce dei tuoi sogni” ho scritto un giorno alla mia adorata Chiara.
“Ma in che senso? L’hai fatto o lo devi fare?”
“L’ho fatto, ma ne resta una fetta. Che c’hai da fà dopo il lavoro?”
“Niente, vengo da te” 
“Ecco, sbrigate”
😀
Mi arriva che ho già il the pronto, bello pieno di limone come piace annoi. Le metto davanti la fetta. 
“Vabbé, ma dividiamola, così la mangi anche tu” prova a dirmi.
“Ma lascia fà, magna e zitta che chissà quanno te ricapita!?”
😀 😀 😀
Per me limone vuol dire Chiara. Anzi, vuol dire me + Chiara. Che il limone ci fa impazzire, vero Chià?
Che quando sono stata male e non mangiavo, avevo sete solo di limone assoluto. Affondavo i denti in uno spicchio di quei fantastici limoni di casa, ancora non propriamente maturi, quindi ancora più aspri che se ci penso mi vengono le vertigini tanto che mi piacciono. Comunque quando dico limone, è come dicessi Chiara.
Per questo ho messo in salvo la fetta per lei. L’ho transennata, protetta, circoscritta con nastro rosso tipo CSI  con tanto di biglietto vicino “se la tocchi sei un uomo morto!“. Non ridete, che a casa mia così bisogna fare 😀 Ho imparato dopo innumerevoli piatti fatti fuori, dolci aperti, composizioni guastate a suon di “ma io non lo sapevo!”…se se 😀
Le persone che mi conoscono davvero a fondo, nella mia vita, si contano sulle dita di una sola mano, e non la prendono nemmeno tutta. Chiara è tra loro. Ci pensate che sto per compiere 33 anni (si si, l’anni de cristo) e lei la conosco da 19 anni? A me è un numero che fa impressione, un pò perché mi ricorda che sto inesorabilmente crescendo, e un pò perché penso ma come avrà fatto a sopportarmi tutto sto tempo? Nessuno è durato tanto. Che significherà? Lo devo chiedere a lei. Perché veramente ancora non me ne capacito, e non sto scherzando.

Che poi ne abbiamo passati di momenti brutti, eh! Periodi un pochino distanti, periodi di dolori amari, viaggi, uscite, solitudine…tutte le abbiamo passate. D’altra parte, 19 anni sono parenti stretti di 20…e 20 anni in una vita sono davvero molti. Tantissimi. Se ci penso ho le vertigini pure per questo (si si, ho sempre le vertigini).

Se ripenso a questi anni, mi vengono in mente molte cose…le cene insieme, le confidenze, l’esser diventate grandi, le carezze quando ci consolavamo a vicenda per un dolore troppo grande (“arrivo da te, ce l’hai un posto sul divano della consolazione?”), inevitabilmente tutte le persone che ci hanno deluso e che, forse, anche noi abbiamo deluso a nostra volta. Quel viaggio dove mi ero invaghita del vicino di stanza…peccato che lui aveva 40 anni più di me 😀 (ti ricordi Chià com’ero diventata rossa quando si era offerto di farci una foto con l’asciugamano intorno alla vita? ahahahahhaha :D).
O quel viaggio a Lisbona dove abbiamo preso pioggia che dio la mandava e avevamo litigato perché sono incontentabile, incontenibile e permalosa…certe volte mi punto peggio di un somaro! (Puoi dirlo, si si).
E quella volta che eravamo ragazzine e prendemmo il treno per Genova? Perché io m’ero fissata che volevo vedere la città di De André. Che viaggio, quello! Eravamo due bambine, diomio. Io attraversavo i binari  e lei che scendeva nel sottopassaggio, si poteva essere più diverse di così? Però abbiamo sempre viaggiato bene, insieme, vero? ci siamo sempre assecondate. E sai che per me viaggiare con qualcuno non è una cosa che prendo tanto alla leggera.

Noi due che ci chiamiamo con lo stesso soprannome da sempre, vicendevolmente: Micia. Micia di quà, Mica di là, Micia quando vieni? Nessuna distinzione tra noi: siamo Micie tutt’eddue.

E le mie citofonate a casa sua…          

Se arrivo solo con me stessa                                       Se arrivo con un regalo

«Driiiin »                                                                       «Driiiin»
«Chi è? »                                                                      «Chi è?»
«Io!»                                                                             «Sono il tuo regalo da scartare»
«Io chi?» 😀                                                                    

oppure, se arrivo con un dolce                                     ..e se arrivo con bisogno di coccole

«Driiin!»                                                                        «Driiiiin» 
«Chi è? »                                                                       «Chi è?»
«Sono la Micia Pasticcìììna »                                          «Sono quella in cerca del divano»

Quella volta che davanti al cancello di casa sua le chiesi 
 «Ma dove la trovi un’altra come me?!?» 
 «Grazieaddio da nessuna parte!» 😀 😀

Ma resta storica quella notte che non si spiega come non abbiamo svegliato tutta  casa, a ridere a crepapelle,  senza più riuscire a respirare, tanto che ridevamo, incapaci di controllare il nostro corpo (io ho creduto davvero che sarei morta!)…e solo perché avevamo fatto quella battuta sulla tarantella…campassi cent’anni, non potrei mai dimenticarlo! Quella sensazione di soffocamento dalle risate, che ci scuotevano come lenzuola stese al vento.

Ti ricordi, poi, quanta musica abbiamo ascoltato insieme? In questi giorni sto ascoltando tanto Mia Martini, credo che per questo mi sia venuto di scrivere un post per te. L’amavamo tanto. E la Martini ha scritto molte canzoni davvero belle, alcune molto struggenti, ma io non ti voglio lasciare con una canzone così, no no.
Ti voglio lasciare con una canzone speciale, molto densa e molto carica, che le sorelle Bertè cantarono insieme ad un Sanremo. Guardati il video. Guardale. Due sorelle così diverse, così piene di passione entrambe. Il finale è da brividi sulla pelle, il sorriso di Mimì è miele nella curva di un cucchiaio. Guarda come si reggono lo sguardo, come si tengono occhi negli occhi. Io ti tengo così!


e ricordati, per parafrasare la canzone, che qualsiasi notte verrà
ci sarà sempre un faro a tagliare il buio sul mare 
😉

PS: che poi Chià, la faccenda della tarantella non fa ridere. Perché ridemmo così? 😀

__________________
Questa tarte è di Adriano. E’ stupenda! Io poi mi sono innamorata della sua linea…mi sembra perfetta, impeccabile…la fetta tagliata è meravigliosa. Non una sbavatura, non una mescolanza. C’è la frolla e c’è la crema al limone, perfettamente parallele. Sono un sogno. Chi ama un pochino la geometria, sa di cosa sto parlando.

Ingredienti:

400 gr di pasta frolla
180 gr di uova
125 gr di zucchero a velo
100 gr di panna fresca
50 gr di succo di limone
Zeste di un limone (possibilmente non trattato)
1 pizzico di sale
1 albume

Procedimento:

Stendete la vostra frolla in modo che sia un pò più grande del vostro stampo capovolto
Posizionatela quindi sul vostro stampo con delicatezza e sistemate il bordo e il fondo in modo uniforme
Ora passate il mattarello sul perimetro dello stampo, facendo pressione, in modo tale che possiate tagliare in modo preciso la pasta in eccesso.
Bucherellate tutta la superficie con i rebbi di una forchetta

Ora, cospargete la superficie di riso o fagioli (meglio fagioli), coprite con carta argentata e mettete in forno a 170° per 10 minuti
Trascorsi i 10 minuti, estraete la teglia, togliete il riso o i fagioli (meglio i fagioli :D) e pennellate la superficie con un albume battuto
Infornate ancora, stavolta senza carta argentata, per 10 minuti. 
In questi 10 minuti, preparate il ripieno mescolando le uova, lo zucchero a velo e zeste di limone
Ora aggiungete il succo di limone, il sale e infine la panna.
Mescolate bene e versate il composto sulla vostra frolla
Abbassate la temperatura a 120° e cuocete per altri 30 minuti
Il composto non deve solidificare. La giusta consistenza l’avrete ottenuta quando scuotendo delicatamente il bordo della teglia, il ripieno tremerà rimanendo però al suo posto. A me sono bastati 30 minuti esatti.