Focaccia genovese impastata a mano

A Roma, in molti posti, vendono purtroppo la focaccia genovese. Dico purtroppo perché la presentano come una focaccia molto molto alta. Buonissima in molti casi, ma non simile all’originale che invece rimane bassa (circa 2 cm).

A fugàssa ha la caratteristica di essere ricoperta di una emulsione di olio, acqua e sale grosso prima dell’ultima lievitazione. Emulsione che si adagia nelle fossette create sulla superficie, regalando al risultato finale una morbidezza e un sapore unici. Anche il colore però non scherza: sfumature color del grano doneranno alla focaccia grande bellezza.

Ci tengo a precisare che l’originale è realizzata con lievito di birra. Io ho usato la mia pasta madre perché, come sapete già, non panifico con altri lieviti.

5.0 from 2 reviews
Focaccia genovese
 
Autore:
Tipo di ricetta: Pizze e Focacce
Ingredienti
  • 320 g di farina
  • 190 g di acqua
  • 100 g di pasta madre
  • 20 g di olio extra vergine di oliva
  • 7 g di sale
  • Per l'emulsione: 75 g di acqua + 30 g di olio extra vergine di oliva
  • Sale grosso per la superficie
Preparazione
  1. Su un piano di lavoro create una fontana con la farina, allargando bene il foro.
  2. All'interno mettete l'acqua, l'olio, la pasta madre fatta a pezzetti e il sale.
  3. Con l'aiuto di una spatola flessibile, iniziate a sciogliere il lievito "spalmandolo".
  4. A mano a mano che andate avanti, incorporate la farina, fino a raccoglierla tutta.
  5. A questo punto abbandonate la spatola e impastate a mano, fino ad ottenere un composto elastico e omogeneo.
  6. Ponete l'impasto in una ciotola sigillata di pellicola, e lasciatelo raddoppiare.
  7. Spolverate una teglia con pochissima farina, e stendeteci sopra la focaccia.
  8. Praticate su tutta la superficie delle fossette con le punte delle dita unte di olio: le fossette dovranno essere molto marcate.
  9. Cospargete la superficie con l'emulsione e il sale grosso.
  10. Lasciate riposare 1 ora coprendo con un panno di cotone che però non deve andare a contatto con la superficie (aiutatevi con dei cucchiai di legno messi di traverso sulla teglia).
  11. Infornate in forno già caldo a 220°, portando a cottura.

 


9 Responses to Focaccia genovese impastata a mano

  1. lara says:

    vero vero vero, focaccia genovese è un termine di cui si abusa purtroppo come molti altri. Questa mi sembra però davvero precisa e bbbbbbuona, che colori meravigliosi e secondo me il tuo lievito la renderà anche migliore!

  2. La focaccia è una di quelle cose a cui non rinuncerei neanche sotto tortura. La focaccia genovese è la perfezione assoluta, personalmente non amo le focacce troppo alte, diventano troppo “tamigne” da mangiare

  3. ciao dolcezza, come state tu e Matteo? Ultimamente mi sto appassionando ai lievitati e ai loro meccanismi…bellissima la tua focaccia genovese! Spero un giorno di diventare brava come te, anche se con il lievito madre la vedo dura…
    Un bacione!

  4. Andreea says:

    La focaccia è sempre l’unica nel suo gusto, molto buona e tu sei bravissima nel prepararla !

  5. zia Consu says:

    Semplicemente fantastica 🙂

  6. Silvia Brisi says:

    Ti è venuta una favola!! Brava come sempre!!
    Un abbraccio!!

  7. teresa says:

    ciao mi chiamo Teresa innanzitutto complimenti per il blog. Lo seguo con piacere da un pò di tempo.Questa volta sono interessata alla focaccia genovese. Vedo che tu descrivi come farla impastando a mano….ma posso farla anche con l’impastatrice o questo tipo di focaccia non richiede una lunga lavorazione e quindi meglio farla a mano?

    • Michela says:

      Ciao Teresa, benvenuta nel mio blog.
      E’ il contrario: non avendo una lavorazione complicata, puoi impastarla anche a mano.
      Ciò significa che con l’impastatrice sarà un gioco da ragazzi…quindi vai! 🙂
      Se la provi fammi sapere.
      Un abbraccio :*

  8. La focaccia genovese è una di quelle cose che mangerei a chili!! Ti è venuta benissimo direi, molto simile all’originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: