Ragu’ di croste di parmigiano

L’ho visto prima da Angelina e poi da Teresa, e me ne sono innamorata a colpo d’occhio. E io sono felice quando il web riesce a veicolare ricette come questa.

Povero, si dice, perché di prepara con gli scarti delle croste di parmigiano, che poi a casa mia non si sono mai considerati scarti: mia Mamma mi ha insegnato a mettere le croste nei minestroni, nella pasta e patate, e funziona davvero bene. Quando eravamo piccoli io andavo sempre a caccia delle croste nel mio piatto…le adoravo! Ricordi lontani di quando ero bambina e sapori a cui sono molto legata, per questo ho voluto provare questa ricetta, trattandola proprio come un ragù, con tanto di trito di sedano, carota e cipolla.

Il risultato? grandioso! Una pasta da leccarsi i baffi, per chi ce li ha 🙂

Ingredienti per 4 persone:

300 g di croste di parmigiano, grattate e pulite

200 g di polpa di pomodoro

2 cucchiai di doppio concentrato di pomodoro

Mezza carota

Una costina di sedano

Mezza cipolla

Olio extra vergine

Sale

Procedimento:

Riducete le croste di parmigiano in piccoli dadini.

Mettetele in 3 dita di acqua e fatele bollire circa 15 minuti.

A parte preparate la base per il ragù: due giri di olio e sedano, carota e cipolla tritati finemente.

Accendete il fuoco e lasciate andare due minuti.

A questo punto aggiungete il concentrato di pomodoro, girando con un cucchiaio di legno.

Mettete nel tegame le croste di parmigiano con tutta la loro acqua e la polpa di pomodoro.

Lasciate cuocere fino a che il sugo sarà ristretto, aggiustando di sale.


16 Responses to Ragu’ di croste di parmigiano

  1. Cristina says:

    Hai ragione, Michela, è bello che il web consenta di veicolare ricette così: a me non verrebbero mai in mente. Io le croste di parmigiano le abbrustolisco tenendole per la forchetta sopra il fuoco. Così a ragù mi sembrano super appetitose. Ciao Michela 🙂

  2. paola says:

    anche mia mamma mi ha inseganto che non si butta niente ed anche lei metteva le croste pulite nella apsta e patate e nei minestroni, buone vero, nel ragù non li avevo sentito,brava e grazie

  3. m4ry says:

    Io ci avrei fatto una scarpetta che tu nemmeno t’immagini..

    Ciao tesoro <3

  4. Pattipatti says:

    Guarda Michè volentieri il ragù con le croste di parmigiano… il problema è che me le mangio prima che avanzino, non ce la faccio, le raschio un pò e me le faccio fuori…. Ma se qualcuno me le nasconde in un posto a me sconosciuto magari me lo rifaccio! Un bascione gioia e riposati! <3
    ps un bascione a mamma <3

  5. Silvia says:

    Eeeehhh a casa mia le croste si grattavano e si sgranocchiavano! Quindi immagina che piacere nel vedere questo piatto che in due giorni ha riempito facebook! L’ho fatto vedere a tutti e non vedo l’ora di provarlo!!! <3 Ti mando un bacio enorme tesoro <3

  6. edvige says:

    Ottimo, anch’io le croste le ricordo da bambina magariio e te in epoche diverse visto che sono del 43. Quella volta le croste non erano cosi…diciamo igieniche di oggi. Le trovi anche al supermercato e vanno a ruba. Nella minestre o quant’altro danno sapore. Poi si possono fare anche le croste soffiate idea di un altra gallina, insomma mai buttate. Io adoro le croste pulirle e poi sganocchiarle gnammm. Bell’idea altro modo di utilizzarel. Buona giornata ciaooo.

    • Michela says:

      Cara Edvige, sai che soffiate non le ho mai sentite? Mi dovrò documentare 😀
      Grazie per essere stata qui.
      Un bacione 🙂

  7. No vabbè ma questo me lo sono persooo….è fantastico!!
    Qui facciamo la ‘caccia’ alle croste!! Io come te ho imparato a metterle nelle zuppe, nei minestroni, ma ce le mangiamo pure a cubetti!!
    Lo devo assoultamente provare anch’io!!
    Un bacione amica!! <3

  8. Emanuela says:

    Ciao!!! Anche tu!!! Anche mia mamma metteva le croste nei minestroni! Non si è mai buttato nulla! ^_^ questo tipo di pasta poi mi piace troppo raccoglie bene il sugo 🙂 bellissime le foto 🙂

  9. speedy70 says:

    Complimenti Michela per questo gustosissimo ragù…. le croste le uso sempre nella minestra e questa è un’idea sfiziosissima, da provare!!!!

  10. Pingback: I miei articoli ed amici che parlano di me | Angelina in cucina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *