Pandoro a lievitazione naturale di Rolando Morandin

clicca sulle immagini per ingrandirle
Quest’anno per la prima volta ho tentato il pandoro. Avevo lo stampo da un paio d’anni, ma una volta per una cosa e una volta per l’altra, non lo avevo mai utilizzato. Per la ricetta mi sono affidata a quella del Maestro Morandin, e sono molto soddisfatta. Ricetta riuscita al primo colpo, una mollica scoglievole e dolce al punto giusto….un ottimo prodotto per le colazioni delle fredde giornate di dicembre. E poi, diciamocelo, il pandoro è proprio bello: così semplice nel suo aspetto, ma dalla forma stellata. Da bambina lo prediligevo al panettone, anche se un pò crescendo i miei gusti sono cambiati, nel senso che amo anche un buon panettone. 
A proposito, se vi va di sbirciare tra le mie “natalizierie”, cliccate su 

Il mio panettone a lievitazione naturale
Il mio panettone gastronomico 
I miei struffoli

La mia veneziana

E ora, dato che le immagini erano troppe, ho preferito mettere insieme un video per il procedimento….e intanto…

Auguro a tutti voi un Sereno Natale e Buone Feste..

Arrivederci a Gennaio!

Ingredienti per 1 pandoro da 1 kg:
Per il primo impasto
200 g di farina manitoba
125 g di tuorli
100 g di pasta madre
100 g di burro
88 g di zucchero
80 g di acqua 
Per l’emulsione
85 g di burro
25 g di tuorli ( da circa due uova)
20 g di miele di acacia
20 g di zucchero
15 g di burro di cacao
6g di sale
1 bacca di vaniglia
Per il secondo impasto
100 g di farina manitoba
50 g di crema pasticcera
L’emulsione
Procedimento:
Sera – Primo impasto

Lavorando con il gancio a foglia, lavorate i tuorli con il lievito madre e tanta farina quanta basta per fare massa. 
Ora alternate farina, zucchero e acqua, un pò per volta e lasciando assorbire il tutto. 
Mantenete sempre l’incordatura.
Aggiungete a poco a poco il burro, lasciandolo assorbire bene. 
Rovesciate l’impasto su un piano da lavoro e arrotondatelo. 
Ponetelo a lievitare in un contenitore coperto di pellicola in luogo caldo. 


Mattino successivo, o comunque a triplicazione del primo impasto

Preparate l’emulsione mescolando tra loro tutti gli ingredienti.
Nella planetaria aggiungete il primo impasto, la farina e la crema pasticcera.
Lasciate incordare alla minima velocità.
Ora montate il gancio a uncino e poca per volta aggiungete l’emulsione, lasciandola assorbire molto lentamente. 
Serrate l’incordatura, quindi spegnete la planetaria e lasciate riposare l’impasto per circa 1 ora, coperto. 
Rovesciate l’impasto su un piano da lavoro, fate la prima pirlatura e coprite con una ciotola. 
Lasciate riposare 30 minuti, quindi eseguite seconda pirlatura. 
Lasciate riposare ancora 30 minuti, quindi ponete l’impasto nell’apposito stampo opportunamente imburrato, coprite con pellicola e lasciate lievitare in luogo caldo fino a farlo arrivare al bordo. 
Portate il forno a  temperatura di 180°, quindi infornate il pandoro che cuocerà per circa 50 minuti. 
Sfornate il pandoro e lasciatelo nel suo stampo per almeno 1/2 ore.
Sformatelo e lasciatelo raffreddare completamente su una gratella. 
Mettete il pandoro un un sacchetto alimentare e lasciatelo riposare 3/4 giorni
Al momento di servirlo, cospargetelo di zucchero a velo.


41 Responses to Pandoro a lievitazione naturale di Rolando Morandin

  1. ma buono il pandoro!!! quest'anno provato anche io….soddisfazione!
    tu, come sempre, sei perfetta bella susina!!!

  2. E' meraviglioso: soffice e scioglievole! Bravissima, il pandoro, secondo me, e' uno dei lievitati più difficili da fare.
    Tesoro ti faccio tanti auguri qua, anche se penso ci incontreremo ancora sul web. ❤️
    Spero tu possa passare le feste con chi amo. Un abbraccio grande grande

  3. Federica says:

    chapeau Miky, dirti che è uno splendore è decisamete riduttivo
    complimenti di cuore, sei troppo braverrima 🙂
    un abbraccio, buona giornata

  4. Luca Monica says:

    Che meraviglia…quella fetta è davvero favolosa!!!
    Ti faccio tantissimi cari auguri di un sereno Santo Natale anche a te e alla tua famiglia!!!

    Un abbraccio
    monica

  5. Omammachebellezza!!!! Bravissima Michela!!

  6. Gina says:

    A me non piace il panettone ma adoro il pandoro! Non l'ho mai fatto con la pasta madre. Ma deve essere una grande soddisfazione e l'anno prossimo sicuramente proverò (con il licoli). Immagino una bontà incredibile! Complimenti!!!

  7. Giulia says:

    Non posso che farti tantissimi complimenti. La foto della fetta rende perfettamente l'idea della sofficità: un risultato strepitoso. Ma tu sei bravissima e tutto ciò che esce dalle tue mani è sempre perfetto!

  8. questo pandoro è commovente tesoro…una mollica filante e soffice
    hai fatto un ottimo lavoro
    ti abbraccio forte forte

  9. speedy70 says:

    Complimenti Michela, tanto lavoro, ma che soddisfazione vero??? Bravissima, applausi!!!

  10. Simona Mirto says:

    Amica mia che meraviglia… lo stavo aspettando questo pandoro e come sempre sei al di sopra di ogni aspettativa… poi non sai, che alla fine mi sono lanciata anch'io nell'impresa settimana scorsa… ma tra i tempi ridotti, le foto scattate con il buio, i passo passo interminabili, non credo che riuscirò a pubblicarlo finito e fare le cose approssimate sai che non mi piace… tra l'altro gin è stata male e adesso sono io ad avere la febbre… infatti sono sveglia a quest'ora per la tachipirina… vabbè… mi accontenterò di pubblicare (se tutto va bene) dei pandorini… molto molto buoni devo dire… ma la soddisfazione del pandoro è tutta un'altra cosa… vederlo crescere di 15 cm è un'emozione grande…. al taglio della fetta non credevo ai miei occhi " cavolo ho fatto il pandoro pure io!? … adesso sto facendo infatti sto facendo delle prove sulla conservazioni… vediamo un pò quanto dura i primi 3 giorni era ancora buono, come consistenza intendo… ma avendo usato il ldb devo valutare nei giorni seguenti… Venendo al tuo capolavoro, che dirti… se non che sei unica… che ti riuscisse al primo colpo e che ci tirassi fuori un pandoro da pasticceria non c'erano mica dubbi … sei la maga di queste preparazioni e sei sempre fonte di ispirazione per me… ogni volta che tiro un velo di impasto penso " questo lo dovrebbe vedere michi… e sarebbe orgogliosa di me"… ti ammiro tanto per tutto quello che fai, l'amore che ci metti, per le minuzie, i particolari… stavolta anche il video!! chapeau… bellissimo e molto utile…
    La ricetta che hai usato poi, mi incuriosisce tantissimo… la crema pasticcera nell'impasto mi ha aperto un mondo… come di solito riesco a fare tutte le preparazioni… brava, bravissima… è sempre riduttivo….
    ps tesoro grazie infinite per gli auguri di compleanno… sei sempre carinissima tu, una vera amica:* per gli auguri di Natale ci scriviamo nei prossimi giorni… intanto ti mando un abbraccio immenso pieno d'affetto:**

    • Ho visto i tuoi pandorini ieri sera, Simo, e sono rimasta incantata!!!
      Sei davvero brava …ma tu lo sai!!!
      La già foto del velo è commovente :')
      Spero che adesso tu e gin state bene. Io sono finalmente in ferie, ma con strascichi di raffreddore e tosse che mi trascino da un mese e mezzo :/
      In questi ultimi mesi ho fatto la trottola e un po' di stanchezza fisica si sta facendo sentire.
      Ci sentiamo poi per SMS tesoro, intanto tantissimi auguri di buone feste <3
      :*:*:*

  11. Patty Patty says:

    Ma tu sei una grande, un mitissimo… ma sei contagiosa… quest'anno ho pandorato anche io… ma con la ricetta di Tamara del "Condominio in cucina" e ti assicuro Michè è venuta fuori una cosa meravigliosa….
    Michela mia, sei già in ferie? Stai ancora lavorando? Sei tornata a casina tua??? … Scrivo e intanto guardo le immagini della fetta che se ne viene piano piano…. sei magggica!!! Un bascione gioia cara!!!! <3

    • Sono sicurissima del tuo capolavoro Patty, non ho dubbi :))
      Sono in ferie ora e sono tornata a Roma qualche giorno…ho bisogno di tantissimo riposo.
      Ti abbraccio più forte che posso amica mia. :*:*:*

  12. Sembra soffice come una nuvola!! Hai un talento naturale tu 😉

  13. Isa says:

    Tesoro non riesco piu' a seguirti e mi dispiace moltissimo!!! Questo pandoro e' meraviglioso come te mia dolcissima menestrella! Ti abbraccio forte e ti auguro di trascorrere un sereno Natale. Con affetto Isabella

    • Isaaa…mamma mia mi hai fatto stare in pensiero. Tempo fa ti avevo mandato una mail ma tornava indietro. Sono felice di vederti e spero tu stia bene.
      Ti abbraccio e ti auguro buone feste :*
      <3

    • Isa says:

      Miki noooo mi dispiace tantissimo!!!! Ho avuto un problema col cellulare ho bruciato tutti i dati ho dovuto cambiare account e dato che nella mia vita ci sono stati grossi cambiamenti non riesco piu' a seguirti….se vuoi ti mando in privato la mia nuova mail? Ti abbraccio forte forte e ti auguro tanta gioia e serenita' :*********

    • Isa says:

      Si si tranquilla sto benissimo sto vivendo un periodo meraviglioso….spero che questa grande gioia porti i suoi frutti 😉

    • Sono felice per il tuo periodo meraviglioso 🙂
      Scrivimi via mail, mi fa piacerissimo :*:*:*

  14. Eleonora D says:

    Cara Michi, quanto è bello questo Pandoro!
    sento la sofficità, il sapore di burro e il profumo di vaniglia…scioglievole e squisito Pandoro.
    ti è venuto benissimo!!! te ne ruberei una fetta, se non sapessi che è finito da un bel po'! 😉
    auguri di Buon Natale!!! e buone feste, a casa, avvolta nell'affetto della famiglia, immersa nei profumi della tua cucina! 🙂

  15. Michela ma che meraviglia è 'sto pandoro???
    Che morbido..si vede dalla foto che ci si può affondare il dito!!!
    Guarda che ho in frigorifero sia PM che licoli, atrezzatissima ora mi serve solo provare!!! 😉
    Buon Natale tesoro!!! Tanti cari auguri a te ed alla tua famiglia!!!
    A gennaio dobbiamo organizzare pizza o cena cmq con Ele (qui sopra) e Lara ok??? bacetti sparsi!

  16. Zonzo Lando says:

    Ciao mani d'oro! Passo per un saluto veloce e per farti tanti cari auguri per uno splendido 2015! Un abbraccio grande

  17. Pingback: La ricetta del Pandoro fatto in casa con lievito madre di Rolando Morandin

  18. Al posto della pasta madre…potrei fare un lievitino? Con che dosi? O lievito secco…non ho la pasta madre

    • Michela says:

      Ciao Rossana, scusami per il ritardo ma mi era sfuggito il commento. Immagino si possa fare, ma cerca nel web….io non uso lievito di birra dalla notte dei tempi.

  19. Francesca says:

    Ciaoooo quest’anno ho fatto il pandoro morandin ma vorrei una delucidazione, nel forno sviluppa un cuscino stupendo, dopo cotto però si sgonfia e restringe come mai?

    • Michela says:

      Ciao Francesca…sinceramente non so dirti. A me era rimasto un bel cuscino…
      Forse non era del tutto terminata la cottura?

  20. aria says:

    bellissima ricetta! secondo te sarebbe tanto male se lo cuocessi in uno stampo non da pandoro?

  21. aria says:

    scusa un’altra cosa…quanti giorni dura senza seccare dopo averlo sfornato?

    • Ciao Aria, il pandoro si conserva molto bene in un sacchetto chiuso per alimenti almeno un paio di settimane.
      Per quanto riguarda lo stampo, credo che tu possa usare anche altro tipo tenendo conto però che il risultato potrebbe non essere identico.

  22. Pingback: Pandoro Morandin ricetta bimby | L'ho fatto io! Ricette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *