Coupe saucisson ai cereali

clicca sulle immagini per ingrandirle

L’ecole de boulangerie de Panissimo questo mese prevedeva un bellissimo pane. Gli stavo facendo la corte da dicembre, l’ho voluto fortemente, tanto che alla fine il gruppo ha deciso di farmi felice: a febbraio tutta l’ecole sulla coupe saucisson.

Ah, ma quanto sono felice! Mi piace così tremendamente questa forma, l’ho adorata a prima vista.
E siccome avevo da poco ricevuto delle bellissime farine in regalo, le ho volute subito testare per questo pane. Ho pensato di fare un mix di grano tenero e farina mista cereali, con idratazione al 65% per consentire una buona manipolazione per la formatura.
La farina mista cereali, di un mulino marchigiano, aveva anche semi di lino all’interno, che hanno conferito all’impasto un aspetto grezzo. Nell’insieme il pane ha una mollica morbida e una crosta croccante. Il profumo è molto particolare ed intenso.
Su una coupe saucisson ho messo dei semi di canapa sativa: mi piacciono e fanno molto bene perché ricchi di vitamine. Ovviamente sono facoltativi.
Testi e ricetta © Michela De Filio 
Ingredienti
500 g farina 00
500 g farina mista cereali
660 g acqua
100 g pasta madre
20 g di sale
4 g di malto diastasico
Procedimento:

Sciogliete il lievito madre nell’acqua e  aggiungete la farina, il malto e l’acqua
Iniziate ad impastare alla minima velocità per circa 10 minuti.
Fermate l’impastatrice e ribaltate l’impasto all’interno della ciotola, riprendendo quindi a lavorare a velocità più sostenuta, fino ad incordare.
Aggiungete il sale e lasciate assorbire.
Rovesciate l’impasto su un piano da lavoro e arrotondatelo.
Ponetelo quindi in una ciotola sigillata con pellicola, fino al raddoppio del volume.
Rovesciate l’impasto su un piano di lavoro liscio e non infarinato.
Con una spatola metallica, dividete l’impasto a metà.
Stendete una metà a mo’ di rettangolo e ripiegatelo su se stesso come in fotografia dei passaggi, fino a rovesciare la giuntura verso il basso.
Adagiate tutto su una placca coperta di carta forno oppure su una paletta di legno se volete cuocere in refrattaria.
Ripetete l’operazione per l’altra metà.
Con una lametta incidete la superficie di tagli profondi e ravvicinati, in orizzontale.
Coprite con un panno e lasciate riposare 45 minuti.
Portate il forno a temperatura di 220°, quindi infornate.
Trascorsi i primi 15 minuti, abbassate la temperatura a 200° e portate fino a cottura (in tutto ci vorranno circa 50 minuti, a seconda del forno).

***
Questi pani vanno in regalo alla raccolta di Panissimo 
questo mese ospitata da Sandra di “Dolce forno”

47 Responses to Coupe saucisson ai cereali

  1. ammiro la tua abilità con il pane,ogni giorno di più!
    e questa forma è davvero bella!!!
    pagnotte con una croccante schiena …"zebrata".
    🙂
    mi piace,sto scoprendo un sacco di impasti e di forme per il pane,con te!

    buona giornata menestrella!!! :-*

    • Ciccia, io amo molto questa forma. Infatti era tra quelle che mi aveva colpito di più della selezione dell'ecole….ad ogni giro di boa facevo il tifo per questa!! E devo dirlo, a cose fatte: bella! bella davvero.
      Con il pane non si finisce davvero mai…è come voler imparare tutte le parole del mondo…infinite variabili. E meno male, perché vuol dire che si può sempre andare oltre e sempre sperimentare :)))

      Ti abbraccio forte forte e buona settimana tesoro :*:*:*

  2. Due pagnotte stupende cara…impazzisco per i semini, poi disposti così tra un taglio e l'altro!
    Brav brava brava al solito
    Ti abbracciavo forte e chiaro!

  3. Matteo says:

    Ammazza, che meraviglia! *__*
    Spero un giorno di poter passare dalla panetteria De Filio a fare un po' di scorta! 😀

  4. A me invece non ė venuto un granché… Proverò a rifarlo con la tua ricetta! Un bacio e buon inizio di settimana!

  5. Flavia D D says:

    I bruchi!particolarissimi questi filoni,mi piacciono molto,e poi a te riesce bene tutto tesoro,brava come sempre <3

  6. Isabella says:

    E' bellissimo!!!! Con il pane sei forte ;)))
    Viene voglia di impastare tutti i giorni! Buona settimana ^__^

  7. m4ry says:

    Ha un aspetto ECCEZIONALE ! Brava la mia Michela 🙂 Ti bacio e ti abbraccio :*

  8. Maya says:

    michi una sola domanda….ma tu il pane lo dipingi??? Penso di avere una cartella sul computer solo dedicata ai tuoi pani…ai miei desideri di farli. Spettacolare anche questo. Ps. la farina mista di cereali è simile alla pedra 9? Io la trovo fantastica.

    • Maya….sei tanto cara! Qunado mi stancherò di panificare (ma quando?) inizierò a dipingerlo 😀
      La pedra 9 non l'ho ancora provata, quindi non ti posso dire la differenza o la similitudine. Se mi dici che è spettacolare, la provo prima di adesso 😀
      Ti bacio con tantisismo affetto, grazie!! :*:*:*

  9. Quella fetta…immagino come sarebbe con un bel pezzo di prosciutto tagliato a mano e una salsina di carciofi sopra ♥ E' bello sognare una merenda a quest'ora senza poterla fare! Un bacione tesoro bello…t'abbraccio forte!

  10. Sam Nani says:

    Non sarà per caso il mio mulino di …. fiducia? …. a Montefiore dell'Aso?
    Se sì, la farina 2 ha un profumo senza paragoni. Anche se il pane viene un sasso per scarsa "panificabilità" (mia, non della farina!) il sapore è sempre ottimo.
    Salutoni
    Samantha

  11. Michela ma quanto sei brava con i lievitati? Ormai non mi stupisco più della tua bravura e questo pane è bellissimo da vedere e posso solo immaginare che piacere sia assaporarlo.

  12. Patty Patty says:

    Allora la colpa è la tua!!!!! Sono alla terza pagnotta che sarà anche buona ma dopo i coupes di saucissones si arrognano e sembrano delle ciabatte rigate (voce del verbo arrognarsi)… poi vengo qui e schiatto d'invidia nel vedere le tue sforbiciate perfette e i pani meravigliosamente in forma…. Vabbè dai complimenti… <3
    Ti bascio forte amica mia!

  13. Maria Teresa says:

    Michela!!!!

    Ma che meraviglia questo pane!!
    E io che di pane non sono mai sazia, mi annoto subito la ricetta mettendola fra le top ten della settimana :))))))))

    Grazie per averlo condiviso e per averci fatto venire voglia di farlo subito.
    Buona serata bella!! :))))))))))

    p.s. e io che sono marchigiana per metà (e per di più della provincia di AP), la prossima volta che tornerò in quella meravigliosa terra andrò in giro per mulini…

    • Dolce creatura, sei tu che sei meravigliosa. Ricordati che la bellezza è negli occhi di chi guarda ♥
      PS: se passi in quel delle Marche, fai un giro a questo mulino, le farine sono eccellenti. Poi se vuoi ti passo il link del loro sito 🙂

      Ti abbraccio che più forte non si può! :* ♥

  14. Sempre più brava, ormai hai addomesticato quei birichini di lieviti, e so che non è facile 😉 hai calibrato gli ingredienti, ottenendo ottimi risultati con una bassa percentuale di lievito, formatura e tagli perfetti. Complimenti!!!

    • Mia dolce mamma adottiva, devo dire che ormai io e il mio lievito madre godiamo di un rapporto consolidato di reciproco amore e rispetto: io lo curo e lo tratto con dolcezza, e lui mi dona in cambio bellissimi pani :')
      Grazie di cuore, il tuo parere per me vuol dire molto ♥

  15. lagreg74 says:

    Fantastiche queste coupe…e tu sei davvero bravissima!
    Tutti quei semini poi…fanno crock e bene alla salute

    Un abbraccio
    Silvia

  16. sei la mia bella susina preferita, non c'è proprio nulla da fare!
    ti abbraccio stretta stretta stamani, così mi porti con te tutto il giorno!
    baci baci
    Sandra

  17. .. eh , i lunghi corteggiamenti…si sa, si sa benissimo come vanno a finire, in matrimoni felici! ♥
    Menestrella mia dolce, e non poteva che essere uno spettacolo di pane con tutta la passione che metti! Belissime coupe saucisson fuori e stupendo l'interno!
    Bacioni grandi!

  18. Michela ma che bella forma???? bravissima….ho trovato un'altra farina che ti farò provare….quasi a KM 0 eppure macina a pietra con grano solina in gran parte…..solo a te l'onore di provarla…..mia incantatrice di farine !!!
    Baci
    Paola

    • Oh, potrei propormi come tester di farine in giro per l'italia…e tirare fuori un bìsnéss (da leggere con accento partenopeo) 😀
      Grazie tesoro, la tua piccoletta è sempre aperta a provare nuove farine :))

      Ti bacio tanto
      :*:*:*

  19. Uhmmmm mumble mumble (ingranaggi del cervello che fanno rumore) mumble mumble! Questo pane mi sta tormentando da giorni, Che il tuo è bellissimo te l'ho già detto, ora mi sono letta anche il procedimento e le dosi … mumble mumble

  20. Simona Mirto says:

    I buchi in quelle fette di pane parlano da soli… riesci sempre a tirare i fuori dagli impasti il loro meglio, la perfezione. Sento il profumo, assaporo la consistenza e sento sotto i denti i croccanti semi di canapa… credimi.. li sento davvero.. è la luce chiara? le tue mani che vedo dietro agli impasti? le tue parole?
    Sto ricominciando anche se ho altri pensieri e preoccupazioni per la testa, ma io qui riesco a dimenticarmi di tutto…
    Grazie del tuo affetto Michi.. è un regalo prezioso.. ti voglio bene

    • Simona, le parole non possono rendere bene la gioia e il piacere che provo a rivederti. Ti ho pensata tanto in questo periodo.
      Ci sono persone che sanno mancare molto, quando non ci sono. E tu sei tra queste.
      Qualsiasi cosa ci si presenta davanti, la vita e la nostra natura ci mettono in mano degli strumenti per guardare oltre.
      Sono certa che sai di cosa parlo.
      Ti voglio bene e questa casa è la tua casa ♥

    • Simona Mirto says:

      Ti voglio bene Michi davvero.. poi ti scrivo in privato ♥

  21. Ahh, il piacere della panificazione!! E la meraviglia di quel gruppo!!! ^_^
    Ma cos'è il malto diastasico? Io in genere uso malto d'orzo (normale????).

    • Erica, intanto benvenuta 🙂
      Il malto diastasico è un tipo di malto in polvere che favorisce molto la lievitazione e conferisce ai pani una bella crosta ambrata e croccante.
      Ci sono molte opinioni contrastanti sulla differenza tra quello d'orzo liquido e quello in polvere, ma in ogni caso entrambi dei facilitatori 🙂

      Io ho sperimentato tanto, e ho visto che l'effetto del malto in polvere mi piace molto di più. Quello d'orzo liquido, adesso, lo uso quasi esclusivamente per lievitati dolci 🙂

    • Quindi il malto d'orzo in polvere che utilizzo io è lo stesso che usi tu? Diastasico vuol dire quello? Aspetta, mi sono documentata: vuol dire che è arricchito di enzimi (la diastasi) che scindono il malto in glucosio, agevolando l'interazione con il lievito e facilitando la lievitazione. Wow, ho imparato qualcosa di nuovo. Grazie Michela ^_^

    • Ah, è ovviamente molto bello essere la benvenuta ^_^

    • Si Erica. In teoria se leggi in rete dsi parla di enzimi. Per il pane il diastasico mi piace da matti. Lo uso ormai da mesi ^_^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *