Non ci siamo separati mai: gli struffoli di Gelsomina

«Ma tipo, no, quando uno ama due persone, com’è che si fa, per dire? Come fa l’amore, si distribuisce da solo?»
«Nel nostro cuore abbiamo spazio per mille tipi di amori, e sì, quello si distribuisce da solo».
Sono sola sul treno mentre ci scambiamo queste parole che illuminano lo schermo del mio telefonino. Fuori è buio, il treno lo inghiotte la notte. Mi allontano da una città che ho sempre amato follemente. Mancavo da Napoli da qualche anno, ritrovarla è stato magico. Mi sento un pochino più sola adesso, perché lascio dietro di me gli Amici che amo, ma questa nostalgia tra qualche giorno passerà, per lasciare spazio al rumore che fanno i ricordi e alla gratitudine che sento per la mia fortuna sfacciata di avere Amici come loro.
Chiudo gli occhi, non accendo nemmeno la musica. Lo sferragliare delle rotaie quasi scompare, mentre dentro di me fanno rumore le risate a crepapelle, fanno rumore i pasti condivisi alla stessa tavola, mani che si accarezzavano, guance che si facevano baciare. Fa rumore la generosità con cui sono stata accolta, nemmeno fossi una regina e le porte che si sono spalancate e che mi hanno fatta sentire a casa. Fa rumore la musica che abbiamo ascoltato in ogni angolo di città, il sole che ci abbagliava gli occhi, il coro delle nostre 6 mani ad impastare insieme. Fa rumore quel terremoto che noi tre non abbiamo sentito: troppo presi da altro.
Fanno rumore i nostri occhi su quella foto, sembra che parlino. Fa rumore in testa e nel cuore quel saluto sul vagone del treno, con la promessa di rivedersi presto.
Ci sono molti modi di sentirsi a casa. La casa è dove è il nostro cuore, anche solo un pezzo di esso. E un pezzo del mio cuore è da loro.

Con loro.
Per loro.

«I veri amici sono quelli che si scambiano reciprocamente fiducia, 
sogni e pensieri, virtù, gioie e dolori, 
sempre liberi di separarsi, senza separarsi mai»

                                                                                                            A. Bougeard 



© Michela De Filio










Gli struffoli sono un dolce natalizio tipico della tradizione campana. Sotto le festività ogni pasticceria che si rispetti fa sfoggio di questi colorati e allegri vassoi in vetrina. 
Questo è uno degli impasti che abbiamo realizzato insieme, con Gelsomina e Gé, durante il mio soggiorno a Napoli.
Gelsomina ci ha insegnato un metodo alternativo per la formatura: invece di fare il classico salsicciotto, la pasta viene stesa con il mattarello e poi tagliata orizzontalmente e verticalmente, formando un reticolo di dadini. Comodo, veloce, e gli struffoli, che si gonfiano in cottura, sono davvero graziosi.
Qui nelle foto (scattate con il cellulare, scusate) vedete anche dei cestini di frolla…ci siamo divertiti ad agghindarli un pò. 
Grazie Gelsomina, è stata dura far arrivare gli struffoli sani e salvi a Roma, senza sterminarli in treno 😀

Ingredienti:
1 uovo
20 g di
burro
20 g di
zucchero
1 pizzico
di lievito per dolci
1 pizzico
di sale
Zeste di
mezza arancia a mezzo limone
1 cucchiaio
di grappa
Farina
quanto basta
Per
Decorare

Miele con
zucchero (la proporzione è 3 cucchiai di zucchero ogni 500 g di miele)
Codette e
zuccherini colorati
Ciliegie
candite
Procedimento:

Create una
piccola fontana di farina e all’interno rompeteci un uovo
Aggiungete
burro, zucchero, sale, lievito, zeste e grappa
Iniziate ad
impastare, inglobando la farina poco per volta.
Vi
fermerete quando l’impasto risulterà sodo, ma non duro. Dovrà essere un impasto
modellabile con le mani.
Quando
avrete intuito che la consistenza è giusta, continuerete a lavorare l’impasto
senza farina, quel tanto che basta per avere un impasto liscio.
Arrotondatelo
e avvolgetelo nella pellicola, facendolo riposare circa 30 minuti a temperatura ambiente, per far perdere elasticità all’impasto in modo che quando verrà stesso non tornerà indietro.
Trascorso
il riposo, spolverate un piano da lavoro con poca farina e stendete l’impasto
con il mattarello, dell’altezza di circa 5-6 mm.
Con l’aiuto
di una spatola di metallo o con una rotella per pizza, create tante piccole
fettuccine verticalmente.
Ora
tagliate sempre della stessa misura, orizzontalmente, in modo da creare tanti
piccoli quadrucci, che a mano a mano disporrete su un vassoio.
Friggete il
olio bollente fino a doratura.
Fateli
raffreddare, intanto preparate la miscela di miele a zucchero, sciogliendo
tutto il una padella per pochi istanti.
Mettete gli
struffoli nella padella e girate con una paletta di legno, in modo da distribuire bene il miele.
Mettete gli
struffoli su un piatto da portata e decorate con gli zuccherini e le ciliegie
candite.


41 Responses to Non ci siamo separati mai: gli struffoli di Gelsomina

  1. AJParker87 says:

    Io… io sono senza parole!
    Aspettavo questo post in.una maniera assurda… e non hai deluso lemie aspettative!
    Trascorrere quel.week-end con te è stato quakcosa di.magico: le risate, gli.sguardi, le canzoni intonate noncuranti degli sguardi perplessi delle persone, il cibo… tutto, ma proprio tutto, ha assunto sfumature, sapori e colori diversi.
    Poterti avere qui, sbirciare quegli occhi pieni di meraviglia, sentire quella risata che riconoscerei tra mille è stato qualcosa d'indescrivibile!!
    Naturalmente, sí deve ripetere. Al più presto.
    Diciamocelo chiaro e tondo, De Fi': te crei dipendenza!!!!
    Ti Amo Inconmensurabilmente!!! <3

    • Sai che credevo che questo post non rendesse bene come mi sono sentita? Ma forse sbagliavo….ma poi che importa. Le parole arrivano dove devono arrivare. Ascolto la NOSTRA musica da giorni e mi sembra ancora di essere lì. So che vi abbraccerò presto di nuovo, eppure non mi basta. Come si fa ad essere sazi di voi due?
      Il mio cuore ha amato tanto in questi 33 anni, eppure i sentimenti mi stupiscono sempre, riescono sempre a meravigliarmi.
      Stringervi è stato prezioso, e quando guardo quella foto, vorrei affogare nei vostri occhi, dove mi sono sentita tanto amata e dove presto mi rispecchierò…ancora. E sarà come essersi separati mai.

      Grazie tesoro mio, davvero. E con tutto il cuore ❤

      PS: ma quella K in "qualcosa" ti è scappata spero 😀 mannaggia a mort!!! 😀

    • AJParker87 says:

      Maledetta tastiera!!
      Sai bene che sono contro kappa et similia… ma 'sto bidet che mi ritrovo come smartphone ha fatto un po' quello che gli pare, rileggendo il commento!
      Maledetto! xD

    • Azz! 😀 😀 😀

      'o ffuoc a mmar 😀

  2. Trovare amici che si amano in questo modo. Una delle fortune della vita.
    Ti abbraccio forte Michi :***

  3. Ma se ti dico che alla prima frase mi è scesa una lacrima grossa quanto l'amore che provo per te, mi credi? :')
    Io non sono quella brava con le parole, forse nemmeno con i gesti ma quello che ho dentro lo so bene.
    Tu… Mi hai contagiata con le tue passioni e con il tuo amore… L'amore che metti in tutte le cose che fai, quello che ti distingue e che ti rende unica.
    Giorni pieni di risate, quelle risate che mi hanno quasi fatta vergognare 😀 e di quella canzone che ormai canto ovunque, ne vogliamo parlare? Mannaggia a voi!
    Insomma Miche' a me non basta, necessito di altri giorni pieni di te e del tuo sorriso!
    Per gli Struffoli beh… Chettidevodì? Sono il male 😀
    Posso solo dire GRAZIE a te di essere entrata in punta di piedi nella mia vita e di avermi fatto scoprire nuovi mondi, sono io quella fortunata per una volta.
    Io Ti Amo e non è poco. <3

    PS: "nemmeno fossi una regina"?? Ma tu ci scherzi? Tu SEI la Regina… Dei lievitati 🙂

    • Dolcezza (e dico dolcezza, per intendere dolcezza), io ti credo sempre. Imparare a conoscerti mi apre ogni giorno porte nuove. Capire le tue parole non dette, quei gesti che non sono gesti, mi permette di apprezzarti ancora di più. Lo so cosa significa avere qualcosa dentro e non saperlo dire, o esternare. Ma io ti leggo dentro e quello che trovo scritto mi piace sempre più.
      Non credevo…non potevo credere mai, quanto potesse esserci di bello in una giovane Donna come te. Ci pensavo ieri, riflettevo tra me e me…che sei una ragazza in gamba..una che può arrivare dove vuole. E le tue doti non sono comuni a tutte le persone giovanissime come te.

      Sono io che ringrazio te, perché conoscerti è un dono grande, e io non vedo l'ora di riaverti qui con me, tra un pò. Sei bella come chi è bello e non sa di esserlo.
      Vi aspetto a Roma a braccia aperte ❤

      T'amo, bella 'uagliona… ❤

    • Le persone che sanno leggere dentro sono rare, veramente rare e io ho te 🙂
      Per il resto non so cosa dire. <3

  4. cara Michi…
    immagino la bellezza di quei giorni…la vedo attraverso le BELLISSIME foto di quei momenti…trasudano gioia e affetto.
    grazie per questo post, riempie di pensieri positivi e buoni anche chi non era lì con voi.

    solo la pancia non si può riempire, con le sole foto degli struffoli!!! accipicchia!
    però almeno ho scoperto un dolcetto nuovo. E tu sai quanto amo i dolci, e provare ciò che non conosco.

    baci a te e Ge & Ge! 😉

    • Ele cara, gli struffoli devi assolutamente assaggiarli….che goduria!!!

      Le giornate che si trascorrono con gli amici sono quelle davvero indimenticabili :')

      Un abbraccio fortissimo :*:*:*

  5. Flavia D D says:

    Che bello more mio,fortunata te….fortunati loro.
    🙂

  6. Micky bella, l'amicizia è un grande dono, per chi la riceve ma soprattutto per chi sa darla.
    Io so che tu hai questo dono, ne sai dare tanta ed è giusto che tu ne riceva altrettanta in cambio, sei speciale Amica mia.
    Felice del tuo w.e. bello ed intenso, a questo punto DEVO vedere Napoli e DEVO provare gli struffoli!
    Tvb, Roby <3

    • Cara Roby, devo riconoscere che l'amicizia ha avuto sempre un ruolo di primaria importanza nella mia vita. E' un sentimento che non ho mai trascurato nemmeno da giovanissima.
      Pochi amici, ma speciali speciali speciali ❤

      Napoli è una città dalle mille sfaccettature e io l'ho sempre amata.

      Un abbraccio, cara.
      Tanti baci

  7. Francesca says:

    Bellissimo post sull'amicizia Michi e bentrovata!
    purtroppo gli struffoli non mi piacciono mannaggia-a-me per via del miele…
    un abbraccio!

    • Bentrovata Francy bella. Peccato per il miele…ma in fondo non può sempre piacerci tutto….anche se io ci vado vicina 😀
      Ti dico una cosa, però: noi molti struffoli ce li siamo rubati dalla ciotolona anche prima del miele….erano così buoni!!! Peccato che la "guardiana" ci ha bacchetati 😀
      Ti mando un grande abbraccio :*

  8. non potevi che avere due amici strepitosi tu, bella susina!
    ora anche gli struffoli…. li faceva sempre la mia vicina argentina di origini calabresi che però è tornata a casa anno scorso…. IO SONO A DIETA… non ci crede nessuno però quando lo dico…. come mai secondo te?
    baci
    Sandra

    • Come nessuno ti crede?? Io ti credo, a occhi chiusi 😀
      Io oggi ho iniziato il digiuno quaresimale 😀 😀 ahahahah…ma quanto è bello mangiare??

      Ti stringo forte forte forte…ma forte, eh! :')

  9. Maya says:

    Michi buongiorno e sopratutto Buon Anno. Mamma mia quanto io adoro gli struffoli. Li mangerei tutto l'anno. Io seguo sempre la ricetta di mia mamma..a lei piacciono un pochino croccanti e meno friabili.Devo provare assolutamente anche la tua versione. Un forte forte abbraccio Michi!

    • Ben trovata Maya del mio cuore, e buon anno anche a te :)))
      Come dicevo a Francy, io gli struffoli li amo pure "a nudo" pensa te 😀
      Che siano friabili, che siano duri….li amo!
      Ricambio il tuo abbraccio con tanto affetto, a presto :* :* :*

  10. agli struffoli non si può rinunciare nel periodo delle feste natalizie infatti ora che sono stata giù me ne sono fatta una scorpacciata sono davvero deliziosi…
    un abbraccio a voi due per la bellissima amicizia..
    lia

  11. Patty Patty says:

    Michè!!!! Buon 2014… in primis! Ma lo sai che il pomeriggio del terremoto ti ho pensata? Mi sono chiesta che razza di accoglienza ti avevamo dato con quel terremoto… ma meglio così che in compagnia dei tuoi affetti più profondi non lo hai sentito! Lo sai che anche io ho gli struffoli di mia mamma da pubblicare? Ti bascio forte Michè, ma forte

    • Ciao Patty, e buon anno anche a te! ero lì il giorno del terremoto, ma noi tre non l'abbiamo sentito, perché eravamo in strada. In casa invece si, l'hanno avvertito. Che poi Napoli è incredibile per questo: ogni evento è vissuto in modo corale. Un signore sconosciuto ci ha fermati per strada per discutere dell'evento 😀 (sorrido a ricordo, non alla drammaticità della cosa in sé, ovvio).

      Non vedo l'ora di vedere i tuoi struffoli!!!!

      BaSci senza stop! :*

  12. E' una vita che non li mangio gli struffoli. Conosco bene le sensazioni che hai descritto, anche io ho la fortuna di avere degli amici e ogni volta che ci rivediamo è sempre una gioia per il cuore. come dici tu, un pezzetto resta sempre là. Ti abbraccio forte forte amica mia. ♥

  13. Michela…dal tuo post trasuda tutto ciò che volevi far capire…l'amicizia è un dono così grande che a volte non si riesce nemmeno a capire come ce la siamo potuta "meritare". Invece è così, è la nostra ancora, il valore aggiunto, il sorriso perduto e l'abbraccio desiderato, il calore di una sera solitaria d'inverno e la costante presenza come un filo invisibile dentro di noi, l'amicizia è tutto. Non potrei farne a meno nemmeno adesso che sono accecata dall'amore!
    Ti abbraccio tesoro dolce, è bello ritrovarti qui, "perfetta" e bella come al solito.
    Berry

  14. Io ti ho seguito in quei giorni sai?Ho seguito le tue parole,le foto (oh quella con i canditi è spettacolare ^_^).
    Bella spettinata mia,quanti tipi di amore esistono?ma tanti,tanti.E sono tutti giusti sai?Non ce n'è nessuno sbagliato..perchè il cuore è grande e perchè siamo stati creati per amare.
    Gli amici poi,quelli veri,quelli che non hanno bisogno di tante parole perchè lro sono le tue dita,le tue braccia,la tua voce.
    Ti adoro piccoletta mia.

    • Bella, che piacere!!! ❤

      Quei canditi sono qualcosa di libidinoso….mamma mia. Ne ho usati già la metà…e stento quasi a pensare di farci altro perché mi dispiace finirli.. ma si può? 😀

      Esistono tanti, tantissimi tipi di amore e quello legato all'amicizia è tra i più preziosi in assoluto.

      Grazie di cuore per esser passata.
      Ti stringo come non mai ❤

    • mica mi devi ringraziare…io ci sto sempre..anche se ultimamente le parole subiscono un "canone inverso".Invece che uscire,se ne tornano indietro e me le vivo dentro ^_^ Capita mannaggia i pescetti .Ma ricordati che ci sono !

  15. Lyla says:

    Hai ragione quando dici che in molti posti ci si può sentire a casa, basta essere con le persone giuste 🙂
    Esistono tanti tipi di amore, e tutti profondi.
    L'amicizia è qualcosa di magico, un'emozione che con un filo invisibile ti lega agli altri… E quando hai la fortuna di provare un sentimento simile, assapora tutto fino in fondo, mi raccomando! 🙂

    A presto,
    Lyla.

  16. Senza parole, l'amicizia è magia pura… e si sente forte l'emozione, nelle tue parole, per questo amore!
    A presto, Michela

  17. Chiara says:

    "quanto amore hai da dare e quanto amore riceverai"…. l'entità di questo sentimento non si sa mai quantificarla…. ma per adesso si può dire.. "quanto amore dai e quanto amore ricevi tutti i giorni da tante persone,soprattutto da quelle persone speciali che sono AMICI". il rumore delle vostre risate rimbombano nella mia testa eppure non ero li con voi…ma sai trasmettere con le tue parole i colori i sapori e i rumori in maniera così univoca che non posso non ascoltarli 🙂 bella Napoli, belli gli Amici, boni gli struffoli *_*

  18. Spettinella bella che sei
    Questo post luccica d'amore
    Bello davvero, come questi cestini di gioia e colore da condividere con chi più ci ama
    Grazie per il racconto e la ricetta
    Mentuccia <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *