Simil Couronne Lyonnaise

Per l’Ecole de boulangerie de Panissimo di questo mese c’è in programma la Couronne Lyonnaise.     Pane francese, nemmeno a dirlo, che prende il nome dalla sua forma a corona. Anche qui, impasto a piacimento, come era stato per il pain fendu. Impasti come questi, che vanno manipolati a suon di mattarello, non dovrebbero superare l’idratazione del 60/65 % (come giustamente faceva notare Stefano, nel gruppo). 
Io sono partita da un pre fermento, perché volevo cuocere ieri per l’ora di pranzo e perché, non meno importante, mi accorgo che il pane assume un aroma che si avvicina di più ai miei gusti. 
Ho usato anche del malto diastasico e la crosta di questo pane mi è venuta favolosamente croccante e saporita, con un gradevole colore ambrato. Partecipi anche le farine speciali usate, tra cui una buona parte di macinato intero di farro. 
Ho sbagliato il verso della couronne, perché la lingua di impasto doveva rimanere verso l’alto. Per questo motivo la rifarò presto. Intanto però siccome questo fiore è così bello e così buono, ho deciso di condividerlo ugualmente con tutti i miei lettori. 

Amo il pane. Non so dire quanto, ma lo amo di un amore folle e incondizionato. Mi meraviglio ogni volta di come da pochi semplici ingredienti possa nascere tanto splendore. 

E io mi innamoro ogni volta. 

 © Michela De Filio

Ingredienti:

Per il pre impasto 

150 g di farina manitoba
30 g pasta madre
150 g di acqua

Per l’impasto finale 

250 g farina di grano tenero macinata a pietra
200 g di macinato intero di farro
210 g acqua
1 cucchiaino malto
12 g sale

Procedimento:

La sera prima preparate il pre impasto sciogliendo la pasta madre nell’acqua e aggiungendo farina
Idratate per bene, sigillate con pellicola, coprite con un panno e lasciate fermentare 12 ore. 
Al mattino unite al pre impasto la farina, l’acqua e il malto.
Azionate la planetaria alla minima velocità e lavorate per circa 8/10 minuti, fermandovi un paio di volte e ribaltando l’impasto nella planetaria. 
Aggiungete il sale e lasciate assorbire. 
Rovesciate l’impasto su un piano da lavoro leggermente infarinato e fate un pochino di stretch & fold. 
Arrotondate l’impasto, coprite a campana e lasciate riposare 40 minuti
Preparate uno stampo per ciambellone con un panno di cotone infarinato.
Riprendete l’impasto, fate le pezzature e arrotondate ogni pezzo. 

Con l’aiuto del mattarello stendete metà della pallina e poi ripiegatela sulla parte integra. 
Disponete ogni pezzo nello stampo infarinato, fino a formare la corona [qui dovreste mettere la parte con la lingua sottile verso il basso, in modo che quando capovolgerete, la stessa rimarrà verso l’alto e si aprirà in cottura]
coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio. 
Capovolgete la corona su una placca forno e cuocete a 220° per i primi dici minuti, a 200° poi fino a cottura. 
Sfornate e lasciate raffreddare prima di aprirlo.


37 Responses to Simil Couronne Lyonnaise

  1. Flavia D D says:

    E come poter non innamorarsi!!!fai sempre dei pani meravigliosi tesoro <3

  2. Tesora, mi piace la tua "diversamente couronne".
    Mi pare di sentirne il profumo.
    Ci immagino sedute ad un tavolo assaggiandola con della buona tapenade di olive nere e dei pomodori secchi.
    Sarai un poco distratta quando in preda a forti entusiasmi ma io non ti cambierei mai 🙂
    Ti abbraccio forte e auguro una splendida settimana <3
    Lou

  3. buongiorno cara Michi!
    splendido come sempre questo tuo pane.
    ne sento fino a qua tutto il profumo. e sento il rumore secco di quella crosta croccante quando se ne taglia un pezzo. Appare davvero leggerissimo.
    che brava sei!!!
    credo che l'innamoramento tra te e il pane sia reciproco!
    :-*

    • Ciao amica mia,
      sai che non avevo pensato a questa possibilità? quella che anche il pane mi amasse….in effetti è una bellissima prospettiva l'amore a due vie :')
      Ti abbraccio stretta, coem semore :*:*:*

  4. Fornaia spettinata 1 ne pensi 100 ne sforni.
    Si vede questo amore e si sente…(peccato che il mio naso non sia a portata del tuo forno, non esiste profumo più buono del pane quando lo stai per sfornare.
    Si decisamente il tuo innamoramento è ricambiato….il tuo pane voleva regalarti un fiore!
    Conosco lo stupore che provi, è incredibile come 3 semplici elementi se usati "sapientemente " (come tu sai fare ) e in proporzioni diverse possano sempre regalarci un'opera. Si un'opera e non esagero, il fornaio è uno scultore….crea modella adorna fino a raggiungere la sua visione…quello che prima immagina e studia affinché raggiunga quel risultato.
    Il pane è un alimento completo nella sua semplicità e l'unico al mondo in grado di sfamare soddisfacendo il palato per il gusto, la vista per la sua bellezza e l'olfatto per il suo profumo.
    Tu e lui (il Pane) siete in perfetta sintonia….!!!! Micky è una fortuna per noi poter assistere a questo vostro amore, ci regalate sempre delle sorprese uniche.
    Buona giornata fornaia spettinata un abbraccio dalla fata cuoca!

    • Ciao Amica panettonara, questo pane lo rifacciamo a scuola insieme, devo fartelo assaggiare. Il nostro è uno stupore comune, vero? Forse un pò matte lo siamo davvero, come ci apostrofava Chicca, ma mica mi voglio curare! E sai che il pane è il mio traghettatore, mi sta portando in tante nuove strade e mi sta facendo conoscere tante bellissime persone. Tu e Lilly tra queste.

      Grazie per tutto Paolé :* :* :*

  5. Michela ogni volta che vengo da te rimango incantata per la bellezza che esprimi attraverso i tuoi lievitati, quello di oggi non lo conoscevo e sembra ottimo oltre che bello, perfetto anche da usare come centrotavola goloso per Natale.

  6. Maya says:

    Michela buongiorno inutile dirti che in te io ritrovo i miei pensieri. Favoloso questo pane anche senza la necessità di andare su idratazioni elevatissimi che renderebbero impossibile la stesura con il mattarello. Guarda che interno spettacolare e che crosta. Ormai io e te siamo Prefermento addicted! Buona giornata

    • Ciao bella mia, ho scoperto negli ultimi mesi che meno idratato non vuol dire meno buono. Basta usare farine di qualità e lavorare bene l'impasto.
      La crosta qui è davvero pazzesca…parlo al presente perché ne ho ancora un pezzo messo da parte e stasera me lo pappo 😀

      Prefermento addicted, puoi gridarlo forte!
      Un abbraccio :*

  7. Andrea says:

    Vedo che la tua passione per il pane è sempre molto alta; a me invece continua a non attirarmi particolarmente. Però il pane mi piace mangiarlo e molto volentieri assaggerei questa tua couronne. Ciao

  8. m4ry says:

    Lo amo anche io, perché è magico..poi, da un po' di tempo a questa parte, la domenica mattina, io e Giuseppe riprendiamo l'impasto preparato la sera prima e diamo insieme le pieghe prima della lievitazione finale..è diventato un vero e proprio rituale d'amore 🙂 Questo tuo pane è meraviglioso. Ti abbraccio <3

  9. Francesca says:

    che meraviglia!
    complimenti Michi, continua ad innamorarti e a farci innamorare!
    baci

  10. E m'innamoro anch'io Michi, ogni volta che vedo le meraviglie che sforni :*

  11. Ma si, è davvero uno spettacolo di fiore!

  12. piccola mela says:

    Io vado e vengo dal gruppo, più per questioni di tempo che di passione,ma le couronne sono bellissime!
    Ho trovato il mio pane di domani 🙂
    Un piccolo inciso sulle tue ultime parole: uguale a te, mi inamoro ogni volta…e non smetto di stupirmi mai!
    Un abbraccio
    Manuela

  13. Tamara @ says:

    ecco, la corona di pane è proprio giusta per "incoronare" la regina del pane! se poi è pure profumata (farina macinata a pietra e di farro già solo a scrivere le sento nelle nari) è perfetta!
    ciao Michi 🙂

  14. Isabella says:

    Concordo con Tam una splendida corona per incoronare la regina del pane! Bravissima! 😉

  15. Amica mia anch'io mi innamoro ogni volta delle tue creazioni e dello splendore che sanno emanare… e non si tratta solo della luce che sei riuscita ad intrappolare.. (bellissima tra l'altro, complimenti per lo scatto) è quella luce più grande, quella che abbraccia la tua immensa passione… quella che trasforma acqua e farina in meraviglia.. Si, meraviglia… è la parola esatta per definire questa corona… sarà magari riduttivo e banale,ma è la prima parola che ha esclamato la mia voce interiore quando ho aperto il post… :*
    ps ancora complimenti per la vittoria al contest… ieri è stata una giornata tremenda… con i minuti contati e non sono riuscita ad essere partecipe a dovere ai festeggiamenti… ma sappi che quando ho letto il tuo nome ho avuto quel piacevole sussulto… la mia michi.. sono tra i vincitori con lei… :*
    ti abbraccio stellina mia ti voglio bene:*

    • Simo, è stato il piacevole sussulto che ho provato anche io….a vedere te, Roberta, Gabila…..non ci sono parole per l'emozione che ho provato, la sorpresa. Sono giorni intensi, questi, anche per me, ma mi soffermo a leggerti e il mio cuore si apre da solo, come un fiore, come questa corona.

      Ti voglio bene, Simona, Non mi stanco di dirlo.
      Un abbraccio frizzante come questa giornata :*:*:*

  16. Vaty ♪ says:

    passo per lasciarti un cuoricino: <3

  17. Tiziana M says:

    questa tua dichiarazione d'amore per il pane mi ha conquistato, non sono in grado di replicare quello che fai ma spero un giorno di riuscirci, un pane meraviglioso, sono troppo felice di quello che sai… hihii… un bacione!!!!

  18. Silvia says:

    Oh, non c'è niente da fare, il pane resta sempre il cibo che mi affascina di più.
    Bela la tua corona, anche se…al contrario.:)))

    Ciao Michela :*

  19. Silvia says:

    La tua corona non bela ma bella :D:D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *