Namelaka al limone

clicca sulle immagini per ingrandirle
Immaginate un dessert che sia come seta sotto il vostro palato: liscio, delicato, leggero. Quasi evanescente. Questa è la namelaka. Un dolce facilissimo da preparare, ma che dona grandissima soddisfazione a chi lo prepara e a chi lo degusta.
Molto versatile, poiché lo si può aromatizzare come vogliamo. In questo caso è il mio amato limone, ma può essere il succo di qualsiasi frutta a cambiare i connotati a questa specialità. Può essere composta inoltre sia di cioccolato bianco, come in questo caso, sia di altri tipi di cioccolato, purché siano di altissima qualità. 


La namelaka può essere servita in bicchiere, oppure si può aspettare che rassodi qualche ora in frigorifero per servirla a forma di quenelles, come avevo fatto per questo dessert

Inventata da un pasticcere giapponese, “namelaka” vuol dire “molto cremoso“.
In molte versioni è presente il glucosio. Io questa volta ho voluto seguire la ricetta senza, seguendo i dettami di Pinella, sia nella namelaka che per la decorazione dei bicchieri, che ho trovato subito allegra e accattivante.
Vedete quelle sfere colorate sulle pareti? Sono fatte di gelatina. Una preparazione semplice ma di grande effetto, specie se dovete servire il dessert a degli ospiti per una cena.
Pinella aveva preparato le sue gelatine con il the matcha e con succo di fragole. Io non avevo nessuno dei due, quindi ho ripiegato su uno sciroppo di menta e di amarena. Ho omesso lo zucchero, naturalmente, visto che gli sciroppi sono già zuccherati.


Namelaka al limone
Ingredienti
200 gr di latte intero 
5 gr di gelatina in fogli 
25 gr di acqua 
340 gr di cioccolato bianco di qualità 
400 gr di panna liquida fredda 
120 gr di succo di limone 
Zeste di limone 
Procedimento

Mettete il cioccolato a sciogliere a bagno maria 
Idratate la gelatina in un velo di acqua 
Fate bollire il latte, toglietelo dal fuoco e girando con una frusta scioglieteci dentro la gelatina 
Ora colate il latte in tre tempi sopra il cioccolato, continuando a girare, fino ad ottenere un fluido liscio.
Aggiungete la panna liquida fredda, amalgamando bene 
Lasciate addensare in frigorifero 

Gelatina alla menta

230 gr di acqua 
20 gr di sciroppo di menta 
2 gr di gelatina in fogli 
Gelatina all’amarena
230 gr di acqua 
20 gr di sciroppo di amarena 
2 gr di gelatina in fogli 
Procedimento

Idratate la gelatina in un velo di acqua 
Intanto portate a bollore l’acqua. 
Aggiungeteci la gelatina, girando per bene fino a completo scioglimento 
Aggiungeteci lo sciroppo di menta e fate bollire per due minuti 
Togliete dal fuoco e lasciate sfumare 
Preparate i vostri bicchieri in posizione orizzontale su un piano del vostro frigorifero 
Con l’aiuto di una pipetta, se l’avete, fate i primi cerchi nei bicchieri e lasciateli solidificare completamente. 
Se non avete una pipetta, aiutatevi con un cucchiaino, oppure con un beccuccio da sac a poche con apertura fine. 
Quando vedete che i cerchi iniziano a rapprendere, procedete con la preparazione della gelatina all’amarena, ripetendo lo stesso procedimento appena indicato per quella alla menta, completando infine la decorazione dei bicchieri. 

Streusel
Potete vedere qui

Guarnizione dei bicchieri

Con l’aiuto di una sac a poche, riempite i bicchieri della namelaka fino al livello desiderato, facendo attenzione a partire dal centro e a non rovinare le decorazioni in gelatina. 
Guarnite con cubetti o briciole di streusel
Completate con una decorazione in cioccolato a piacimento 
Lasciate i bicchieri in frigorifero fino al momento di servire.

***
….e intanto hanno preso forma i miei regalini di Natale home made…
sali e zuccheri aromatizzati, confezionati da me con barattoli e provette
comprati alla bellissima bottega di Manu al mercato di Testaccio…


31 Responses to Namelaka al limone

  1. m4ry says:

    Che carini i tuoi regalino di natale ! Troppo belli 🙂 e quel dolcino, da come l'hai descritto, dev'essere pura poesia ! Ti abbraccio

  2. Che meraviglia Michela, magia pura!
    Buona giornata.

  3. …lo avevo ammirato anche io da Pinella questo dessert…
    e qui da te oggi ritrovo lo stesso splendore…
    la namelaka è buonissima, l'ho provata anche io! anche se non era sistemata bene come la tua, almeno era buona! :-DDD
    ed è un dessert leggero e fresco, adatto a qualsiasi periodo. Anche un dopo pranzo sotto Natale.
    brava Michi!!!!! (come sempre)

  4. E' bellissimo! E veramente non lo conoscevo!

  5. Non conoscevo il blog di Pinella, mi iscrivo subito, grazie!
    E nemmeno la namelaka conoscevo, quante scoperte nuove questa mattina.
    Bellissima ricetta e la decorazione con la gelatina è una cosa spettacolare e da replicare assolutamente.
    Non ti dico l'invidia che provo a vedere le tue bellissime provette, quando verrò a Roma dovrai portarmi in questo fantastico negozio, promettimelo!
    Ti abbraccio fortissimamente bellezza mia, forte forte.
    Ti auguro una splendida giornata
    Lou

    • Favetta, il blog di Pinella per me è un MUST. Il migliore in assoluto per la pasticceria, almeno per ciò che mi riguarda. Scoprirai dai lei meraviglie!

      Passando a noi, invece, tu pensa a venire a Roma che poi ti faccio fare io il giro delle mille meraviglie che sto scoprendo in questo periodo: è una promessa la mia!

      Ti abbraccio con tantissimo affetto.
      Buona giornata anche a te!
      :*

    • Per il 2014 organizzo un amiche tour per l'Italia.
      Passaggio romano obbligato 😉
      Ti abbraccio fortissimamente :*

  6. Ma sai che non conoscevo questa bontà? Come sempre l'hai realizzata in maniera super precisa e salvo subito le tue dritte. I tuoi regali natalizi sono bellissimi e fortunati chi li riceverà, sono i regali fatti con il cuore quelli più belli e più buoni!

  7. Le gelatine nel bicchiere? No fermi tutti…. mai vista una chicca così!! seguo Pinella da tanto ma questa chicca mi era sfuggita… meno male che ci sei tu e dico sul serio… queste coppe nella loro semplicità sono di grande effetto… Piccoli dettagli da intenditori. Sarebbero proprio perfette come fine cena… io prendo l'idea per il 31…. già sto pensando ai calici dove servire.. grazie:*
    E che splendore i tuoi regalini… io sono la peggiore… sono ancora a zero e quei pochi regali sfornati, sono ancora senza pacchetti… aiuto… quanto sono disorganizzata!:)
    un abbraccio amica mia e buona giornata:**

  8. Chiara says:

    Non riesco a vedere le foto….ma so di cosa stai parlando,visto che ho avuto la fortuna di vederle in anteprima…questo dessert è fantastico.è una delizia unica, l'ho rifatto più volte per la sua semplicità nella preparazione e per il suo sapore unico. buonissimooooooooooooo i love salamelekko 😀

  9. Che belli i bicchieri, che belli i regalini !!!Mi piacerebbe provare tutto, ma tutto tutto!!!…ma non ce la posso fare.. :/
    Più in là si, però..appena passate queste giornate un po frenetiche, lotterò per mettermi in pari 🙂
    Ti abbraccio menestrella :*

    • Sandrina, sapessi io in che deficit di tempo sto…ma non per il Natale, per la vita in genere….
      Se venisse Aladino da me a chiedermi di esprimere tre desideri, tra questi ci sarebbe il tempo.
      Ti abbraccio io pure, stupenda :*

  10. Ciao stella…ma che meraviglia i tuoi regalini! Non ci crederai ma anche io ho fatto il sale aromatico! ^_^ Oggi sono arrivati a destinazione i primi barattolini, portati in ufficio! Certo che non hanno nulla a che spartire con la perfezione dei tuoi…però dai, sto allenando la manualità!
    Un bacetto amica, bellissime quelle gelatine "sospese" sul bicchiere!

    • Ciao Folletta, il sale aromatico è troppo troppo troppo buono!! Io l'ho pestato e aromatizzato con le erbe meravigliose di mia mamma, non ti dico che profumo *__*
      Poi io penso sempre che i regali fatti a mano abbiano un valore triplo ❤
      Un bacione a te :*

  11. Che storia, bellissima questa crema, molto particolare. Che carini i tuoi regalini, brava Michela, un bacio

  12. Vaty ♪ says:

    Ho avuto il
    Privilegio di conoscere pinella di persona.. Non ti dico che emozione. È speciale e la sua semplicità mi ha letteralmente spiazzata. Che meraviglia questo dolce. Siete due donne straordinarie voi ❤

  13. Isabella says:

    Bravissima ricetta assolutamente da copiare…anche io conosco Pinella dire brava e' dir poco!!! I tuoi regalini sono bellissimi,saranno di certo molto apprezzati! Ti auguro di cuore di trascorrere un sereno Natale! :*

  14. Maya says:

    Michi avevo già adocchiato la tua precedente namelaka. Presto la voglio provare e sono sicura che sarà eccezionale come tu la descrivi.Quella foto del bicchiere è fantastica. Per non parlare poi dell'idea dei regalini di Natale. Bravissima come sempre Michi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *