Crostata di pane e mele in crosta croccante

Clicca sulle immagini per ingrandirle



Sono giorni intensi. Quelli che vivi di filato senza tempo per uno sbadiglio. C’è la vita da prendere a piene mani e tutte le possibilità che schizzano davanti come palline in un flipper. Sono concentrata a non perdere nulla, a vivere tutto intensamente, tirare un sospiro di stanchezza l’attimo prima di prendere sonno, sempre troppo tardi.

C’è stato un viaggio a Torino che mi ha dato tanto.
C’è stata la sorpresa inaspettata di Vaty, che mi ha messo il cuore in gola.
E sempre grazie a lei, c’è un viaggio da organizzare per il prossimi mesi con la mia amica Eleonora.
C’è stata una bellissima giornata di sole trascorsa con il mio amico Matteo.
C’è stata una proposta lavorativa extra, un bel progetto da mettere in piedi.
C’è stata l’offerta di scrivere di ciò che più amo al mondo.
Ci sono state passeggiate a Trastevere e scoprire il cuore di ciò che amo.

E questo non è ancora niente. Perché insieme a tutto ciò c’è stata sempre lei, la musica. La regina del mio cuore. La mia compagna fedele. Lei che mi accompagna a vivere la mia vita naso in su e a cui sono grata, di tutto ciò che mi dona ogni giorno.

© Michela De Filio

chissà come sarà lui domani 
su quali strade camminerà 
cosa avrà nelle sue mani..
..le sue mani ..
si muoverà 
e potrà volare nuoterà su una stella 
come sei bella 
e se è una femmina si chiamerà futura. 
Il suo nome detto questa notte 
mette già paura, sarà diversa
 bella come una stella, sarai tu in miniatura





Ricetta di Luca Montersino

[in rosso le mie variazioni e annotazioni]

Ingredienti:


Per il ripieno

400 gr di mele
60 gr di uvetta sultanina
20 gr di pinoli
30 gr di rum
80 gr di burro fuso
160 gr di pane casereccio (io ne ho usato uno fatto da me, integrale con farina di orzo)
80 gr di latte intero
10 gr di zeste di limone
Cannella in polvere (io 3 cucchiai)

Per gli steusel 

120 gr di zucchero a velo
120 gr di marzapane (io 120 gr di farina di mandorle)
240 gr di burro (io 120 gr)
320 gr di farina (io 120 gr di farina)
5 gr di lievito chimico (io non l’ho messo)


Per la finitura

400 gr di pasta frolla (che trovate qui)
100 gr di confettura di albicocca
100 gr di gelatina neutra (io non ho gelatinizzato la torta)
Zucchero a velo

Procedimento:

Lavate e sbucciate le mele, quindi riducetele a dadini.
Riducete a dadini anche il pane e ammorbiditelo con il latte.
Unite quindi tutti gli ingredienti del ripieno.
Preparate lo streusel unendo tutti gli ingredienti e creando un composto omogeneo.
lasciatelo riposare in frigorifero per una mezz’ora.
Intanto imburrate molto bene la teglia e foderatela con la pasta frolla.
Bucherellate il fondo e spennellatelo con la confettura di albicocca.
Versate tutto il ripieno nella teglia.
Passate la pasta per streusel attraverso un setaccio a maglie molto larghe e fate cadere tutto sulla superficie del dolce.
Cuocete in forno caldo a 200° per 25 minuti.
Sfornate e spolverate di zucchero a velo.

****
Intanto Torino ha incendiato il mio cuore


36 Responses to Crostata di pane e mele in crosta croccante

  1. Michi!
    questo post mi colpisce dritto dentro al cuore.
    come te!
    la meravigliosa Crostata.simile a quella che fa mia mamma.un dolce che sa di casa,affetto.Buonissimo.
    la gioia condivisa per la tua vincita.
    la commozione per il NOSTRO viaggio!
    e le foto di Torino,austera e romantica,antica città,la città della mia mamma.
    e infine, quella canzone. quelle parole che mi fanno rabbrividire ogni volta che le canto.

    questo post è davvero una freccia scoccata dritta dritta al mio cuore!!!!
    splendido.

    splendida tu!!!!!
    grazie.ma può bastare un grazie?

  2. Flavia D D says:

    Tesoro questa è la torta che ho mangiato da te?mamma mia che bontà… Sono felice che questo periodo ti stia sorridendo e che ti stia dando ciò che desideri <3

  3. Che splendide emozioni travolgenti 😀
    Complimenti anche x questa crostata davvero particolare e profumata!
    la zia Consu

  4. Patty Patty says:

    Tesoro bello… io adoro Futura… mi piace molto la frase "Sarai tu in miniatura"… Anche se ogni giorno ci scambiamo commenti en passant e ho notato un cambio di direzione emotiva, non abbiamo mai approfondito quelle che sono le gioie della giornata… Cavalca l'onda! Ti abbraccio forte forte!!!
    Si, la crostata è stupenda! <3

  5. Sara says:

    faccio outing..non amo i dolci alle mele..che ce posso fa?? questo ha un'aspetto molto invitante..ma questa mia riserva sopisce ogni curiosità!! non volermene! w la vita e le cose che la riempiono cosi :)!
    Brava Michy..
    un abbraccioo dalla gnogna 😀

  6. Francesca P. says:

    Ci credi che giorni fa, vedendo del pane non più tanto fresco, ho pensato "mi piacerebbe fare una torta"?! Ecco, mi hai letto nel pensiero… 🙂
    Grazie per l'amicizia su FB e complimenti per la vittoria, il cardamomo sarà felice! 🙂 E che bello che partirai… mi ha trasmesso energia positiva questo post… e Matteo è un nome speciale, è anche quello del mio Lui… 😉

  7. Mentuccia non faccio tempo ad andare dal dentista che son successe mille cose bellissime e tu hai sfornato una meraviglia di crostata.
    Sono felice di leggerti stanca ma piena di stimoli e opportunità che ti aprono il cuore.
    Ti meriti tutto e anche di più.
    Ti abbraccio con la forza residua che ho in corpo poi mi vado ad infilare nel caricabatterie.
    Bacissimi e serena notte

  8. splendide le parole del tuo cuore e stupenda la tua torta….di recupero ciaooo

  9. Amica mia:* la tua vita ti sorride e ti regala tante meravigliose sorprese perchè in realtà è il tuo spirito speciale ad essere sorridente, propositivo, vivo e appassionato.. ogni volta sento di ripetermi… ma che ci posso fare se tu riesci a trasmettermi belle sensazioni anche solo con poche frasi? Goditi i tuoi successi (meritatissimi, tra le altre cose) le tue conquiste e tutto che di bello la vita ti sta offrendo e spero che presto possa entrarci anch'io in questa tua vita, anche solo per un caffè e un abbraccio… poi magari da lì a breve il sequestro sarà assicurato… ma non mi stupirebbe, persone come te, sono doni preziosi che quando si trovano difficilmente si lasciano andare;)
    La crostata è favolosa! la conosco bene! ogni volta che la guardo su Peccati di Gola mi incanto per la sbriciolatura nella griglia e quella crosta croccante! naturalmente la tua fa concorrenza a quella del maestro, che tra l'altro non ha la foto della fetta! Inoltre aggiungo che leggendo le tue modifiche mi sono resa conto che abbiamo gli stessi gusti… scelta approvatissima quella della sostituzione del marzapane con la farina di mandorle… pensa, che proprio giorni fa ho fatto una sostituzione simile.. in un dolce completamente diverso… ma c'era questo marzapane che non mangio! Quando replicherò questa crostata prenderò proprio spunto dalla tua ricetta e dalle tue modifiche… sei sempre la numero 1:* ti abbraccio stella buon fine settimana :*

    • Simona, che ragazza attenta sei :') vero, il libro di Montersino non porta la foto della fetta, cosa che ha colpito anche me.
      Per le modifiche, inutile a dirsi, preferisco la farina di mandorle al composto di marzapane. Poi io non ho voluto mettere il lievito, che sicuro avrebbe gonfiato la superficie e megari avrebbe potuto apparire più bella, ma tutto sommato mi sembrava un eccesso, così come la gelatina (peraltro, hai fatto caso anche tu che sulla foto di Montersino sembra che non ci sia la gelatina?? poi però la mette nel procedimento…mah).
      Camminiamo sullo stesso binario, Simona mia, è bellissimo trovarsi 🙂
      Ti abbraccio, fortemente, ringraziandoti di tutte le parole che spendi per me. Mille e uno baci, buon fine settimana :*:*:*

    • Michi tesoro:* non ricordo la ricetta nei dettagli… ricordavo solo la foto senza fetta che in realtà mi aveva lasciato una mega super curiosità che hai in effetti soddisfatto tu:* tanti baci anche a te e non ringraziarmi… davvero… dico solo quello che sento:*

  10. Sei davvero un' animo sensibile….e' facile affezionarti a te sai?!?!?! Amiamo la stessa musica a quanto pare, ci piace fare il pane, sei precisa e pignola come me tutto quello che fai ti riesce davvero bene!!! Anche il viaggio a Bergamo abbiamo in comune?!?!? Ma se ci andassimo nello stesso periodo?!?! Ho già parlato di quest' idea con Simona, sarebbe bello!!!!! Magari ci sentiamo si Facebook perché devo andare a Milano per il corso di foto con Claudia Castaldi vinto ad un concorso……sarebbe carino no?!!?!?? Ti abbraccio intanto è buon WE cara!!!

  11. Tamara @ says:

    Michi ho visto la vittoria del contest!!!! con la mousse!!!! evviva!!! e io lo so bene quant'è buona e bella, bellissima, quella mousse! brava brava brava!
    Anche per la crostata, buonissima, ma per il contest di più :))))
    ti abbraccio!

  12. Mi piace il tuo sorridere la vita, mi piace la tua musica, mi piace l'aria che si respira quando vengo qui…sei brava e dolce e questo si vede nell'amore che metti nel realizzare le cose.
    Torino ha stregato anche me e ti ringrazio ancora per le dritte. Un bacio immenso splendida donna e complimenti per la crostata che a dirla tutta è più bella e più buona, grazie alle sostituzioni, a quella del Maestro 😉
    Buon fine settimana
    Enrica

    • Ciao Enrica, non avevo dubbi che Torino ti stregasse…che città elegante e viva, quanta bella gente. Mi ha lasciato un segno indelebile.
      Sono felice che ti piaccia l'atmosfera del mio blog e tu sei la benvenuta!!
      Un bacione e buon fine settimana :*

  13. Maya says:

    Michi Bella..arrivo in ritardo ma ti ho pensato tanto. Che bello leggere questo post. Tu mi hai portato con te a Torino fino alla cioccolateria e poi a passeggio per roma mentre i tuoi panettoni lievitavano. Sono davvero felice di essere stata partecipe di questi viaggi. Ora aspetto solo che si calmino le tue acque e la tua barca arrivi fino a porta di roma..alla fine ci separano due centri commerciali.:D Di questa torta che dire…solo nelle migliori pasteccerie una frolla simile.. e nella precisa stesura si vede l'amore che metti nel fare le cose. WWWW…SEI RICERCATA!

    • Ciao Maya, ahahahah…non ho mai pensato alle distanze per centri commerciali 😀 che per inciso sono una delle cose che mi mettono tristezza, ma non divaghiamo.
      Ricercata??? Dalla neuro forse 😀
      Scherzi a parte, grazie a te di tutto, sei tanto cara :* ♥

  14. Kipepeo says:

    Brava, evitare il lievito chimico ogni volta che sia possibile! Poi una torta con soli 400 grammi di mele, che qui é un frutto di lusso!

  15. Francesca says:

    Bellissima la crostata!! L'avevo adocchiata in un libro di Montersino e vederl da te mi ha fatto venire una gran voglia di mangiarne una fetta con un bel te caldo! 🙂
    Sono davvero felice per te e per tutte queste cose belle che ci racconti! La mia settimana é stata un po' sfortunata ma grazie alla tua mi torna il sorriso!! É bello condividere anche le gioie, non solo le ricette!
    Un abbraccione e un baciotto
    Ah in bocca al lupo per tutto!

    • Francy, in effetti con un bel the aromatico ci starebbe una favola 🙂

      Mi spiace per la tua settimana frastornata, ma sono momenti che vanno e vengono…..ti auguro giorni felici :)))

      Un abbraccio enorme :*

    • Francesca says:

      grazie :*
      (non riesco a smettere di bere il chai te :D)

    • Che mi hai ricordato Francy….in Iran il the lo chiamano chay, è un vocabolo che ho imparato lì. Per il popolo iraniano il chay è la bevanda più consumata. Non ho mai bevuto tanto the come quando ero in Iran.
      Hanno dei bellissimi e molto sofisticati bollitori che tengono sempre (sempre) sulla macchina del gas perché il chay deve essere sempre fruibile. Che meraviglia mi hai ricordato. Grazie :*

  16. I love Italian tarts for their simplicity and homemade aspect. And a pine nut tart is one of my favorite. This looks beautiful!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *