Lasagne aperte bicolore con crema di pesto e gamberi

clicca sulle immagini per ingrandirle


La scorsa settimana vi avevo resi partecipi del dessert che avevo preparato per una cena molto speciale. Ecco, per quella cena molto speciale avevo fatto anche un primo speciale :))
Mi era venuto in mente di fare delle lasagne aperte, colorate. Strato giallo, strato verde, strato giallo a righe verdi 😀 
Una crema di pesto alla genovese fatto in casa con besciamella, valorizzata da gamberetti. 

Un piatto un pò faticoso da impiattare per una cena, bisogna essere organizzati per far si che i piatti siano caldi (potete metterli nel micro onde, oppure in forno riscaldato e poi spento). Bisogna inoltre formare la lasagna in modo veloce, in modo che i piatti arrivino tutti a tavola caldi (se si è in due, meglio ancora). 

La lasagna è stata un successo: parola di spettinata 🙂

© Michela De Filio 



Per le lesagne

Farina 00
Uova
Purea di verdure (io bieta)

Seguite il procedimento come in questo post



Per la besciamella

80 gr di farina
80 gr di burro
500 ml di latte
1 foglia di alloro
Sale

Scaldate il latte.
Fate fondere il burro in un pentolino.
Aggiungete la farina, mescolando un paio di minuti.
Versate il latte a piccole dosi sul burro, continuando sempre a girare.
Inserite la foglia di alloro, una presa di sale.
Cuocete la besciamella fino a raggiungere la consistenza che desiderate, continuando sempre a girare.
A piacere la besciamella può essere aromatizzata con del pepe e del timo.
Terminato il tutto togliete dalla salsa la foglia di alloro.


Per il condimento

Pesto genovese (io il mio home made)
Besciamella
Gamberetti
Pinoli
Timo
Porro
Olio
Sale

Pulite tutti i gamberetti, privandoli anche del filo intestinale.
In una padella fate rosolare pochissimo olio e abbondante porro tagliato a rondelle.
Metteteci i gamberetti, aggiustate con una piccola presa di sale e fate saltare.
In una ciotola unite la besciamella e il pesto.
Aggiungeteci il timo, una parte di gamberi e porro e frullate tutto con il mini pimer.
Assaggiate e aggiustate di sale.
Cuocete le lasagne in abbondante acqua salata, scolatele e disponetele su panni di cotone bianco.

Montaggio della lasagna:

In ogni piatto fate una base di crema besciamella e pesto.
Appoggiateci uno strato di lasagna.
Copritelo con la crema e sparpagliateci sopra dei gamberi.
Continuate così fino agli strati desiderati (io in tutto ne ho fatti tre).
Guarnite la superficie con poca crema, i gamberetti, il porro e dei pinoli tostati.
Terminate con un giro di olio extra vergine.


48 Responses to Lasagne aperte bicolore con crema di pesto e gamberi

  1. Luisa Piva says:

    uhhhh che bella questa lasagna..che brava sei! il condimento è perfetto.. con la cremina che avvolge, molto delicato.. buonissimo davvero!
    brava

  2. Eleonora D says:

    buongiorno!
    che tripudio di colori e di sapori!
    complimenti per l idea! immagino sia stato un piatto molto apprezzato. 🙂
    cosa intendi con lasagna "aperta"?
    è perché gli strati li fai direttamente nel piatto anziché far cuocere tutto in una teglia in forno?

    bellissimo davvero!brava! :-*

    • Ciao Stella mia,

      si, per aperta intendo che non l'ho messa in blocco in forno 😀 formata direttamente nel piatto… na' fatica 😀

      Sono contenta che ti piaccia, almeno visivamente :))

      Un abbraccio :* :* :*

  3. Tamara @ says:

    Ma che meraviglia! Quando si dice che un piatto si mangia prima con gli occhi! Io ci ho provato una volta a fare la lasagna aperta…per fare 4 piatti mi sono ustionata le mani 🙂 e ho strappato la ricetta in mille pezzetti. Però questa mi sta facendo venire voglia di riprovarci, magari uso i guanti d'acciaio che indosso quando pulisco i peperoncini :)))
    brava che sei, mi piace tantissimo la fantasia che metti nei tuoi piatti, sulla bontà dei quali non solo non ho dubbi, avendone rifatti diversi, senza bisogno di cambiare né aggiungere niente.
    ti abbraccio tesoro

    • Tam!! :)) in effetti devo ammetterlo, si mangiavano pure con gli occhi. Sono stata fortunata a "imbroccare" l'abbinamento giusto.
      E concordo, è rognosetta da servire…e come da copione, pure io mi sono bruciata la punta delle dita perché non ho le mani di amianto come mia madre 😀 (lei tocca qualsiasi cosa senza scottarsi, ancora non mi spiego come sia possibile!!).
      Io come escamotage ho scolato le lasagne e messe stese su panni di cotone: questo le sfuma un pochino e le asciuga (perché c'è il rischio che si faccia il laghetto nel piatto e non sia mai!! :D).
      Certo, fa fatto tutto in fretta, per questo suggerivo di scaldare i piatti vuoti…non c'è cosa più antipatica di una pietanza non calda a dovere.

      Grazie del tuo apprezzamento, sono solo una sperimentatrice.
      Ti abbraccio spettinatamente :')
      :* :* :*

  4. Spettacolo!!! Complimenti davvero, mi piace un sacco, elegante, raffinato e chissà che bontà! 🙂

  5. sei spettacolare susina!

  6. Silvia says:

    Un giorno mi farò una fotografia per farti vedere la mia espressione sognante,imbambolata e perplessa,quando guardo i tuoi post.E sì anche perplessa, come a domandarmi,si può arrivare a tanta perfezione?
    Lo so già lo avevo detto ( espressione da cefalo ),ma è questo ciò che mi accade quando vengo qui da te.

    Queste lasagne sono belle,sanno di buono,di prodotti di qualità e tanto,tanto altro ancora.

    :*

    • Silvia, ma io amo la tua espressione da cefalo 😀 😀 😀

      Grazie, non so cosa dire :') cucinare mi piace moltissimo, e fare un passettino in più ogni volta ancora di più. Specie se sto cucinando per persone a cui tengo (per me stessa sono invece molto più terra terra!).

      Ti bacio tanto :*

    • Silvia says:

      Si sa che per noi stessi si tira sempre via alla buona :p

      Ti bacio anche io :*

  7. Maya says:

    Buongiorno Michela, ultimamente i tuoi piatti assomigliano sempre di più a quadri d'autore. Questo week end sono stata a firenze.. io alla galleria degli Uffizi esporrei i tuoi piatti. Bello bello bellissimo piatto. Sei una cuoca, una panificatrice, una scrittrice, un'artista…

  8. Wow. No, non riuscirei mai a farla!

  9. Lo Ziopiero says:

    Molto bella la presentazione del piatto. Colorate, vivace, allegra.

    Personalmente rimango sempre perplesso quando vedo l'accoppiata pesce/besciamella….ma se è piaciuta a te, che il pesce lo sai….allora va bene! :)))

    • A me piaciuta molto, con la cremina al pesto….ho trovato molto gustosa l'accoppiata coi gamberetti. Son gusti :)))

    • Tamara @ says:

      Piero, uo faccio una lasagna al pesce che è da svenimento. E la "lego" con una besciamella fatta col fumetto di pesce al posto della besciamella. Fidati, è da svenimento 🙂
      ps. per quanto la usi poco, la besciamella è versatile e mi dà tante soddisfazioni, per esempio quando la devo accostare alle verdure (altra lasagna da svenimento con i carciofi e la menta:)) la faccio con l'olio evo al posto del burro.
      Michi, prossima volta prova, il fumetto fatto con le "scorze" dei gamberi (freschissimi, ovviamente) è…. da svenimento :)))

      baci ad entrambi

    • Tamara @ says:

      vabbè la besciamella fatta col fumetto di pesce al posto del latte :)))))

    • Lo Ziopiero says:

      @Michela: Certo, son gusti. Secondo me la delicatezza del sapore del gamberetto deve essere esaltata, in generale. E la besciamella lo ammazza. Mi ricordo una volta uno chef mi propose delle capesante, ammazzate con la besciamella…ancora mi prudono le mani! 😀 😀 😀

      @Tamara: …e grazie che è da svenimento!!! E' senza besciamella!!! Quella tua NON è besciamella, ma è fumetto e roux! Nun ce prova'!!! 😉

    • Tamara @ says:

      a parte che queste sottigliezze linguistiche mi sono ignote (e quindi grazie per avermi erudita, sai che sono una capra:)))), ho provato a dare un alternativa alla besciamella, che anch'io non gradisco accostata al pesce. Ma forse sono stata troppo sottile, come sempre la comunicazione scritta può essere fonte di fraintendimento…. mai e poi mai, mi cadesse un braccio (e daje!))) ci "proverei" con te!!!!
      Michi, giuro, non ci provo manco con te!
      :-*

    • Kipepeo says:

      Per spaccare il capello, quello di Tamara e una vellutata, in una lasagna di mare puo stare benissimo. Eh caro Piero, qui siamo in maggioranza!

    • @Piero, de gustibus. Anche tu tempo fa hai mangiato tagliolini con le cozze e il parmigiano (o pecorino, non ricordo) e ti piaceva. A me non piacerebbe mai. Ma sono gusti e quindi sempre rispettabili. Ovvio che non mangerei gamberoni alla piastra con sopra besciamella. Parliamo di una cremina unita al pesto per un lasagna. Basta che si nun te piace nulla rifai, e stamo a pace 😀
      @Tamara, grazie per il suggerimento. Sempre accettati consigli :))) e te ne sai una più del diavolo, bella scapigliata :* :*:*
      @Kipepeo, un bacione speciale per te :*

  10. Uhmmamma Michela mia, questi meravigliosi piatti devono essere stati i protagonisti di una cena proprio super super super SPECIALE ♥
    Ti mando un bacione…e spero tanto tu stia bene.
    Tua Berry

  11. Valentina says:

    Stupende, Michi, fanno venire fame solo a guardarle <3 Salvo la ricetta! Complimenti e un abbraccio forte forte, buona serata :**

  12. Solo due parole. Ho fame! Bellissime e buonissime, con i gamberetti un tocco in più! Sei un mito Michy!!!

  13. Patty Patty says:

    Michè… avevi già fatto qualcosa di bicolore e anche in quel caso mi era piaciuto moltissimo… ma la cosa più importante è: eravate in due ad impiattare?
    Un bascio gioia mia!

  14. Lo says:

    ma quelle lasagne disegnate….che meraviglia!

  15. "spettinata" è proprio una buongustaia…e chi resisterebbe a questa bellezza???
    Bravissima e sono certa che sarai stata ripagata dalla fatica 😀
    Buon we <3
    la zia Consu

  16. Alessandro says:

    Che meraviglia queste lasagne, sono una delizia per gli occhi e sicuramente anche per il palato. Mitica Miky! Un abbraccio

  17. Francesca says:

    CIao Michi!
    complimenti per questo piatto bellissimo da vedere e sicuramente buonissimo!
    Certo immaginarlo servito in una cena mi risulta difficile perchè per non fare piatti orribili e cmq per montarli ci vuole tempo. Dici che preparati anche solo con poco anticipo si rovini l'insieme perchè si asciuga troppo?
    Leggendo la querelle besciamella/pesce trovo che l'abbinamento che hai proposto sia delicato e appropriato. Io faccio una lasagna di pesce, che ha sempre avuto successo, e che la sottoscritta mangerebbe a teglie intere, che prevede besciamella-groviera-gamberi e merluzzo.
    Sò gusti 😀
    bravissima sempre cara Michi!

    • Ciao Francy!!
      come scrivevo nel post, è un piatto "rognosetto" da impiattare….infatti quando mi sono trovata a fare i piatti, mi sono chiesta chi me l'avesse fatto fare 😀 Sono riuscita a fare un lavoro discreto perchè eravamo in due.
      Non lo suggerisco per una cena con tante persone, ma per pochi intimi.
      Il mio suggerimento è quello di non fare i piatti prima, perché credo la lasagna asciugherebbe troppo e non sarebbe morbida come deve essere.
      Siamo d'accordo sui gusti 😀

      Grazie come sempre, cara Francesca.
      Un bacione!

  18. Wow raffinate e bellissime complimenti! La tua cena sarà stata super apprezzata.

  19. Immagino che chi si sia seduto a fianco a te quella sera sia rimasto piacevolmente sorpreso e coccolato da questa meraviglia bicolore.. oltre che dal dolce che ricordo perfettamente;)
    La laboriosità nella preparazione e la maestria per impiattare al momento ci raccontano come sempre quanto tu sia brava, dedita e perfezionista… per non parlare poi del sapore.. un abbinamento divino, con l'aggiunta di pesto che non ho mai provato, mi invita a tirare fuori mortaio e pestello… sei unica:*

    • E' stata una cena molto bella, ma non per i piatti. Quelli passano in secodno piano, quando hai intorno persone che ti amano e ti vogliono bene.
      Il pesto nelle lasagne ci sta divinamente, provato in più varianti 🙂

      Grazie Simo, ti abbraccio con tutta la forza che ho! :*:*:*

  20. Non so perchè ma non conoscevo il tuo blog…adesso sono qui e ti seguo 🙂
    Lasagne bellissime, come tutte le altre ricette ^_^
    A presto 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *