Pappa al pomodoro

clicca sulle immagini per ingrandirle

A chi mi chiede quale sia il segreto per la realizzazione di un piatto eccellente, io rispondo: fare con amore, documentarsi e scegliere ingredienti di primissima qualità. Queste tre cose non sono in grado di prescindere l’una dalle altre. Sono fondamentali, essenziali, necessarie tutte e tre in egual misura. Da sole non sortiscono lo stesso effetto, non fanno storia.
Nel mio immaginario di donna adulta, avevo sempre erroneamente associato la pappa al pomodoro ad una cosa che non poteva piacermi…qualcosa di molle, insignificante, non una cosa che valesse la pena provare. 
Finché una sera mi è venuta questa strana fantasia. 
Parlavo con Eleonora, e le chiedevo di fare qualcosa insieme, io e lei. Una ricetta su cui mettere le mani insieme, a distanza. Qualcosa a cui pensare insieme, che ci facesse rasserenare un pò. 
Non me lo ricordo come mi è venuta fuori questa idea. Forse perché di fatto la cucina Toscana mi piace un sacco. Ma l’associazione come l’ho fatta? boh! So solo che mi sono illuminata e le ho detto “La pappa al pomodoro!!!“. 
Eleonora non solo ha accolto la proposta senza batter ciglio, ma pochi minuti dopo mi ha mandato la foto della ricetta stampata  su una enciclopedia culinaria di famiglia 😀
In dieci minuti avevamo già fatto un giro di ricerche e deciso: la ricetta si segue questa, il pane sciapo raffermo ce lo facciamo da noi la settimana prima. Per fare le cose per bene, per metterci quel giusto sentimento che meritano le ricette regionali (salvo poi prenderci in giro a vicenda, “dimmi te chi è quello squilibrato che fa il pane sciocco per fare la pappa” :D)
Sono felicissima di avere provato questa ricetta: un piatto fatto di ingredienti semplici eppure squisiti. Incredibile, ma sono proprio i piatti più poveri ad essere i più degni di nota. Almeno per il mio palato. 
Questa pappa al pomodoro l’ho gustata densa e l’ho assaporata cucchiaio dopo cucchiaio. Il sapore del pomodoro si fonde nel pane, il basilico dona quel profumo inebriante e l’olio extra vergine dei miei genitori mette la firma a questo piatto che si fatica a credere sia così semplice da preparare. In ultimo, ma non meno importante, in certi bocconi si incontrano le croste del pane, che restano più consistenti rispetto al resto e sono una vera, pura, meravigliosa, sconvolgente poesia. 
_________________________
Dunque, una settimana prima io ed Eleonora 
ci siamo studiate come fare il pane sciocco con
un preimpasto al lievito madre, lo abbiamo realizzato, 
fatto a fette e fatto raffermare.
Abbiamo quindi dato vita a questa meraviglia!
Enjoy!
__________________________

Ricetta presa ed adattata da
La mia cucina” – Grande Enciclopedia illustrata
Ed. De Agostini

Ingredienti:

400 gr di pane toscano raffermo, tagliato a fette (io 350 gr e l’ho anche tostato)
500 gr di pomodori maturi pelati e privati dei semi
6 foglie di basilico
700 ml di brodo di dado (io l’ho fatto vegetale con carota, sedano, cipolla e pomodoro spaccato)
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro (io non l’ho messo)
Olio extra vergine
Aglio
Sale
Pepe

Procedimento:

Preparate un buon brodo vegetale. Io ho messo a bollire un litro abbondante di acqua con una carota, del sedano, un pezzo di cipolla, un pomodoro spaccato, olio e sale.
Filtrate il brodo una volta pronto.
Pelate i pomodori, immergendoli prima in un tegame con un fondo di acqua bollente. 
Tagliateli a metà, eliminate i semi, e quindi fateli a pezzetti. 
In un tegame mettete dell’olio, dell’aglio intero e lasciate scaldare. 
Buttateci dentro i pomodori a pezzetti, girate e lasciate andare circa 10/15 minuti.
Nel frattempo, lavate il basilico e fatelo a pezzetti, lasciandolo in una ciotolina.
Aggiustate i pomodori di sale e pepe e togliete l’aglio.
Trascorsi i 15 minuti, versate il brodo nei pomodori e immergetevi le fette di pane tostato.
Aggiungete il basilico tritato.
Continuate ogni tanto a girare, il pane inizierà a sgretolarsi.
Lasciate cuocere finché il brodo si sarà assorbito (secondo vostri gusti)
Impiattate e servite con un giro di olio extra vergine.




Ecco la realizzazione di Eleonora 





_____________________________

“..domani, domani, 
chi lo sa che domani sarà [..]
se in questo futuro nero buio
forse c’è qualcosa che ci cambierà
io credo che il dolore
è il dolore che ci cambierà..”

Grazie Eleonora


39 Responses to Pappa al pomodoro

  1. Adoro la pappa al pomodoro e la tua presentazione mi piace tanto.

  2. Eleonora D says:

    🙂

    manca una cosa…importante

    "…io credo che l'amore,
    è l'amore che ci salverà"

    …grazie Michela…

  3. Eleonora D says:

    Michela,hai descritto così bene questo piatto! quanto è stato simpatico prepararlo "assieme" a partire dal pane!!!
    fare il pane e poi farlo diventare raffermo appositamente!!!siamo più sciocche del pane sciocco! 🙂
    ma mi ha riempito di soddisfazione farlo.

    e poi finalmente dopo una settimana, ho cucinato la pappa. anche io come te una volta pensavo a questo piatto come ad un molle intruglio…invece…
    il profumo dei pomodori durante la cottura ha riempito la cucina. e il loro sapore è rimasto intatto nella pappa, fresco, esaltato da basilico e olio crudo, e reso consistente dalla presenza del pane.
    ho aggiunto nel mio piatto un pizzico di peperoncino. l'ho trovato perfetto!

    è vero, un piatto semplice. ma un gusto ricco.
    e ad ogni cucchiaiata mi sono sentita riempita di…estate, del sole che quei pomodori avevano catturato!

    …enjoy!!!!

  4. Lo Ziopiero says:

    Viva la pa-pa-pappa
    Col po-po-po-po-po-po-pomodoro ♫ ♪
    Ah viva la pa-pa-pappa
    Che è un capo-po-po-po-polavoro ♫ ♪
    Viva la pa-pappa pa-ppa
    Col po-po-pomodor ♫ ♪

    :)))

    Ma lo sai che ti ci vedo un po' Gianburrasca? 😀 😀 😀
    Altro spettinato della storia… :)))

    Posso lasciare un omaggio per i nostalgici come me…

    :*

  5. Casale Versa says:

    che meraviglia e che cosina dolce! bella questa ricetta Cara Michela.. piena di Poesia!

  6. Roberta says:

    A questa pappa col pomodoro manca solo una cosa secondo me: l'assaggio di una Toscana DOC che ne attesti la perfetta riuscita!
    Pregasi inviare campione da degustazione 😉
    Baci Michi, bravissime!!!

  7. buona questa pappa al pomodoro 😉

  8. Ely Mazzini says:

    Ciao Michela, questa sì che è una perfetta pappa al pomodoro, invitante e sicuramente gustosa all'assaggio!!!
    Super anche quella di Eleonora, bravissima!!!
    Bacioni…

  9. Eleonora D says:

    oh grazie Ely! che bello tutto ciò! grazie Michi! 🙂

  10. Anonimo says:

    MORE la presentazione e' bellissima,io so quanto amore e quanta passione metti nelle ricette,ma devo dire che nn e' vero che usi tutti gli ingredienti in egual misura…di sicuro di amore ce ne metti sempre di piu'.
    Grazie per avermi reso partecipe.
    FLAVIA

  11. Berry says:

    La mia Michela che ama la mia Toscana ma non viene quassùùùù 🙂
    Sai che io non ho mai amato la pappa, ma la tua me la mangerei. Perchè sa di genuino e di incontaminato, poi con il tuo pane sciocco, sciapo, tutto diventa improvvisamente più interessante 🙂
    Ti abbraccio e ti bacio…te e la tua insalatina sullo stomaco…hai mangiato stella?

  12. La pappa al pomodoro è stata una riscoperta. L'ho odiata da bambina e quando l'ho mangiata buona, ma buona davvero, l'ho amata! E' anche perfetta per l'estate! Hai, anzi avete, avuto una fantastica idea!

  13. Edith Pilaff says:

    Eh eh ora capisco..Ed io,da brava sciagurata,pensavo alla panzanella!
    E' da anni che cerco di fare una pappa al pomodoro decente,mi sa che questa e' la volta buona.Credici o no qui ci sono dei pomodori inglesi favolosi,per cui ho il via libera!
    Bacissimi.

  14. Silvia says:

    A me questo miscuglio ha sempre fatto "senso". Ma se tu sei arrivata a realizzarlo e addirittura a pubblicarlo, vuol dire che è arrivata l'ora di vincere questa mia reticenza verso questo piatto.

    Non credi? 😉

    Baci bella

    • Silvia, io l'ho pubblicato perché l'ho provato e mi è piaciuto tantissimo. Poi certo, è sempre una questione di gusto. Per esempio io ho deciso di lasciarla particolarmente densa. Se fai un giro su google vedrai che ognuno, in quanto a densità, la interpreta a proprio modo.

      Io direi che puoi senz'altro provarla e decidere se ti piace o no :))

      Baci!

  15. La pappa al pomodoro è uno di quei piatti tradizionali e poveri che per me rimangono sempre un must.. i migliori:) brava davvero!

  16. Vaty ♪ says:

    Ho letto il titolo e mi sono detta e che ricetta sarà mai? Nulla di più sciocca come affermazione (dopo le erbette al tasto 76 ihihihi )
    Invece ricettina assolutamente dalla mia pappa al pomodoro!! Come dice roby, manca giusto un DOC toscano;)
    Non vedo ora che arrivi mercoledì prossimo – già rido.
    SAPPILO!

  17. Francesca says:

    io avevo indovinatoooooooooooooooooooooooooooooooo
    yuppyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyyy
    era facile però, soprattutto perchè ho vissuto per tutta la mia infanzia a Firenze 🙂
    io amo questo piatto e la sua storia nella mia storia.
    complimenti un bacio

  18. AJParker87 says:

    Io so' senza parole.
    Seriamente.
    So che ho avuto l'"anteprima", ma vederla qui e leggere il post, hanno dato un sapore nuovo al tutto.
    Un sapore genuino, ecco.
    Perché 'sta pappa ho sempre voluto provarla.
    Perché 'sta pappa ha dentro degli ingredienti talmente buoni che mi vien fame solo a pensarci!
    E perché l'hai fatta te.
    Che in quanto a genuinità, è difficile batterti.
    Brava amore, brava!
    Sei sempre spettacolare. 🙂 <3

  19. Maria Teresa says:

    Michi bella!
    Ma lo sai che anche io, come te, credevo che la pappa al pomodoro fosse insignificante???; in realtà, essendo un piatto povero deve avere qualcosa di speciale e di incredibilmente gustoso!
    E con queste foto mi hai fatto venire voglia di provarla…, ma partirò dal pane sciocco proprio come avete fatto tu ed Eleonora.
    Infinitamente grazie!! :))))
    Un bacio grande.
    Emmettì

    • Tesoro, io dico che vale la pena provare. Come dicevo qualche sera fa ad una mia nuova amica, quando siamo in grado di fare un passo per rompere un nostro pregiudizio, vuol dire che abbiamo fatto qualcosa di buono per noi stessi. Lo dicevo riferito ad altre cose, ma se ci pensi con la cucina è lo stesso :*

  20. Ho voglia di farla di nuovo!!! MI è piaciuta un casino..Bellissima anche la tua!!! Mi fa una voglia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *