Noodles al latte di cocco, zenzero e bietole

clicca sulle immagini per ingrandirle

Mi era venuta una voglia incredibile di provare il latte di cocco. L’ho comprato un giorno al supermercato e l’ho lasciato un bel pò in giacenza nella dispensa. Poi mi sono accorta che mancavano un paio di mesi alla scadenza e sapevo che questi due mesi sarebbero passati alla velocità della luce. Così è stato. 
Però nel frattempo ho chiesto consiglio alla sola persona possibile.
Vaty, senti un pò. Ho del latte di cocco e mi piacerebbe usarlo coi noodles…come posso cucinarli?
E’ così che ho coinvolto la bella Vaty in questa peripezia. Immediatamente si è messa in moto, dammi qualche giorno, mi ha detto. Tempo una settimana e aveva messo su la ricetta, l’aveva cucinata, assaggiata e scritta per me. Il massimo dell’efficienza. 
Va bene Vaty, dammi tempo…giusto quel mesetto che mi serve a reperire gli ingredienti 😀
Passa un mesetto, più o meno. Gli ingredienti li ho tutti, ma mi perdo su un dettaglio. Quello che mi era parso più insignificante, quello a cui non avevo dato importanza.
«Vaty, scusa. Ma che erbette hai usato?»
«Io ho usato proprio le erbette» (è il proprio che mi inquieta :D)
«Si, ho capito…ma che sò ste erbette, famme capì? Perché ai paesi miei, se dici erbetta si intende prezzemolo o qualche erba simile»
«Ahahahaha, sarebbero le bietole!! Perdonami ma qui al nord al supermercato quando vai a pesare ti scrivono ERBETTE – TASTO 76»
Ho iniziato a ridere e non ho smesso per due giorni. Due! E se ancora ci penso, rido come una pazza. 
Quello stesso pomeriggio sono andata a comprare ste benedette erbette e ho realizzato la ricetta che Vaty così carinamente aveva scritto per me.
Il latte di cocco io lo immaginavo come quello che bevevo da piccola, dal cocco stesso: un pò evanescente, lattiginoso, leggerino. Mia mamma comprava le noci di cocco, le bucava e ci faceva bere quel latte. Quanto mi piaceva!
Questo comprato è più denso, si presta bene a fare da cremina. 
Questo piatto è particolare e buonissimo. Io l’ho amato follemente. Mangiato godendomelo a occhi chiusi. Il leggero sentore amarognolo delle bietole scottate con la salsa di soia, si mischiava al sapore dolce dello zucchero e del latte di cocco, in un’alternanza di sapori perfetti e ben equilibrati. 
Il succo di lime poi corona questo piatto, che consiglio a tutti di provare. 
Grazie Vaty…
però una cosa te la devo dire: 
qua le bietole le ho comprate col TASTO 52
😀 😀 😀

_____________________

Qui potrete vedere la realizzazione di Vaty

Ingredienti per due porzioni:

150 gr di noodles
200 gr bietole fresche
2 cucchiai olio semi (io extra vergine)
2 cucchiai salsa di soia
2 cucchiai salsa pesce (io ho usato quella dell’ikea in tubetto)
100 ml latte cocco
2 cucchiai di zucchero*
Un pizzico di zenzero*
* io ho usato due cucchiaini del mio zucchero aromatizzato allo zenzero, che vedete qui

Procedimento:

Lavate per bene le bietole e scolatetele
In una wok o in una padella scaldate un cucchiaio di olio e un cucchiaio di salsa di soia
Mettete le bietole in padella, aggiungete un pizzico di sale, coprite con coperchio e lasciate andare qualche minuto.
Intanto in una pentola scaldate 4 dita d’acqua salata, portate a bollore, immergeteci i noodles e fateli ammorbidire un paio di minuti. 
Ora preparate una padella con un cucchiaio di olio, un cucchiaio di salsa di soia, due cucchiai di salsa di pesce, e il latte di cocco. 
Scaldate e metteteci dentro i noodles che finiranno di ammorbidirsi in questa salsina.
Aggiungere lo zucchero e lo zenzero, fate restringere e spegnete il fuoco. 
Unite le bietole precedentemente cotte
Unite il succo di mezzo lime
Mantecate e serviteli caldi

________________________
Di fronte casa dei Miei, intanto… 




53 Responses to Noodles al latte di cocco, zenzero e bietole

  1. Vaty ♪ says:

    A micche' – very Zio Piero stile;-) – io ancora rido!!!!
    L'altro giorno ho guardato su google: una padana a Roma fece una chiamata al fruttivendolo per ordinare 1 chilo di "erbette" e si ritrovo con un chilo di prezzemolo ahahah 😀
    Tesoro, grazie!! Grazie per aver creato insieme questa ricetta a 4 mani. È un abbinamento davvero inaudito e sarei curiosa di sapere cosa diranno i miei amici thai!:))
    Ma grazie a te, abbiamo veramente dato vita ad un piatto molto speciale! Il fatto che sia tu a dirlo poi da un tocco di credibilità 😉
    Confesso che poi, la tua versione e' ancora più bella da vedere essendo i noodles di farina vedo che hanno preso meglio e appaiono davv cremosi 🙂
    Belle le foto e anche tu come me foto poi degli esterni!
    Ora ho capito il bandolo della matassa: era il tasto 52 non 76!!! 😀 😀
    Allora tesoro, quando vieni a trovarmi??? Così te faccio prova' le erbette!!! Quelle vere 😉

    • Ah Vaty, intanto bisogna che te famo un corso de romanaccio rapido: si dice Miché con una c 😀

      E la storia del prezzemolo? 😀 😀 😀 ahahahahah

      Ma come potevi pensare di deludermi? Hai messo su una ricetta formidabile…ma io ci vedo lungo, sapevo che avresti fatto centro.
      Mi sono divertita molto e ho scoperto che il latte di cocco mi fa letteralmente impazzire. Sono io che devo ringraziare te! <3

      Mi toccherà venire a Bergamo per provare queste benedette erbette tasto 76 😀

      Grazie di cuore, per tutto.
      Un abbraccio tosto, ché qui al sud siamo calorosi <3

      :*

    • Vaty ♪ says:

      Michè con UNA C!! ho proprio bisogno di corso intensivo di romanaccio!! ;-))
      bellissima questa condivisione cara. Dobbiamo assolutamente ripetere.
      come ho già detto, la mia ammirazione per te è tanta e per me è stato un vero piacere poter "inventare" qualcosa e postarla insieme ^_^
      .. certo che 1kg di prezzemolo è roba da riserva anti-nucleare;)
      Sì, vieni a BG te faccio vedè direttamente er tasto 76! ihihihihih 😀

    • Ripetiamo qua di vuoi, davvero. Quando ti va, mi lanci una proposta e io accolgo 🙂
      Mi sento sempre imbarazzata a ricevere apprezzamenti, ma quando si che sono sinceri, l'imbarazzo è doppio, per cui GRAZIE! <3
      La storia delle erbette sarà la barzelletta del web 😀
      Love you

  2. Federica says:

    Dopo questo simpaticissimo resoconto mi ha fatto venir voglia di andare a comprare latte di cocco, noodles ed erbette e rompere il ghiaccio con la prima ricetta etnica della mia vita 🙂 Ma chissà che tasto hanno qui le erbette! Un baciotto, buona giornata

    P.S: quasi quasi 76 e 52 li gioco al lotto :))))

    • Ma Fede, come è possibile questa cosa? mai una ricetta etnica? O_o devi rimediare, Stella, perché ti stai perdendo delle cose!!!

      Non uno, ma tanti baci per te :*

      Ps: se vinci al lotto famo a mezzi? 😀 ahahahaha

  3. Stupenda Michela! L'ho già scritto da Vaty…la vostra fusion mi piace tantissimo!!!
    Baci, Ellen

  4. Eleonora D says:

    che armonia questo piatto!
    i colori che vedono nelle foto, i sapori che immagino leggendo la ricetta!
    che bello scoprire piatti nuovi e particolari.
    grazie a vaty, grazie Michi!!!!

    (ah…la vista di un campo appena tagliato…respiro a pieni polmoni e riempio gli occhi di luce…!!!)

    • Grazie Ele 🙂
      quel campo pensa che è un quadro a cielo aperto, gratuito, gentilmente offerto alla mia vista ogni volta che sono dai miei genitori. Incantevole meraviglia e io fortunata sono!

      :')

  5. Lo Ziopiero says:

    Ma che forza che siete voi due!!! :)))

    Mi immagino un dialogo tra te con accento romano e Vaty con accento milanese con cadenze trasteverine! 😀 😀 😀

    Questo piatto merita…lo metto in lista.

    p.s. belle le balle di fieno…le adoro, lo sai?

    • Grazie Pié :))

      Che poi lei ha questo accento molto english-padano 😀 insieme famo veramente ride 😀

      Il piatto a me è piaciuto da matti, pensa l'ho proposto pure ad una cena 🙂

      Le balle di fieno…esiste qualcuno a cui non piacciono? a me fanno impazzire. Come dicevo poco sopra ad Eleonora, quel campo è un quadro a cielo aperto e io mi sento molto fortunata. MOLTO.

      :')

    • Vaty ♪ says:

      AAA CERCASI INSEGNANTI MADRE LINGUA ROMANACCIO PER CORSO INTENSIVO A RAGAZZA THAI DALL'ACCENTO MISTO PADANO-E-WENDY (ricordate??) ihihihih 😀
      Vi adoro <3
      Bellissime le foto delle balle di fieno.. mi aggrego a voi, io pure le fotografo sempre!

    • Lo Ziopiero says:

      Prima lezzzione: tera, guera e fero, sempre co' 'na ere, sinno' è erore!

      …e poi te devi da scascia' 'mpochetto… sei ancora troppo milanese pe sembra' na romana de roma!:D 😀 😀

      :))))

    • Ahahahah Wendy!!! Ti prego, non ci posso pensare che sto male dal ridere 😀 😀 😀

    • Vaty ♪ says:

      ehhhh?? whatssssss?? co'na ere che?? azzganaweeee???? (alla Celentano).
      ahahahah STO A MORI' 😀 😀

  6. Valentina says:

    Ahahahaahah Michi, bellissima questa cosa delle erbette! 😀 Siete stupende, grandi! 😀 Questa ricetta mi ispira tantissimo, mi sa che la inserisco subito nella to do list… Bellissime le foto e che bello di fronte casa dei tuoi! 😀 Un abbraccio forte e complimenti, buona giornata 🙂 :**

  7. Roberta says:

    Che sorpresa che siete state bimbe oggi, spumeggianti e belle come questo piatto! Sai della mia passione per il latte di cocco, sai del mio amore per i noodles, sai quanto mi piacete tu e Vaty, insomma, che dire di più??? 🙂
    Un bacio Michi!!!

  8. Ma che bella scoperta le quattro mani…i noodles al latte di cocco…le battute sul tasto Dell' renette…tu che non ti conoscevo bene…e Vaty…no lei non è una novità per me ma le sue idee, le sue foto, le sue parole che mi sorprendono sempre!
    Davvero complimenti per la bella casa che avete fatto insieme e come ho promesso anche a lei, proverò anch'io una ricettina orientale anche se dopo la vostra sarà difficile stupire!
    Grazie della meraviglia!
    Un bacio.

    • Ciao Gabila, Vaty è una garanzia. Lei è così esplosiva e multifunzione 😀 E le ricette a 4 mani mi divertono un sacco perché mi piace la coindivisione di un progetto comune, anche quando il progetto può essere piccolo come una ricetta.
      Prova questa ricetta e on rimarrai delusa 🙂

      Un bacione e grazie a te :))

    • Vaty ♪ says:

      Gabila pure è miss Explosive e pure le sue ricettine sono a prova di Telethon;) che bello allargare le conoscenze e scoprirci tutte legate dalla stessa passione e dolcezza.. ^_^ <3

  9. m4ry says:

    Ho riso da lei e ora sto ridendo anche qui da te..ha, il mio tasto per le bietole è il 35 ;P
    Hanno un aspetto magnifico ! Bacini e buona giornata <3

  10. Luca Monica says:

    Bellissimo questo post..mi piacciono un sacco le tue ricette a quattro mani!!! Ti confido un segreto…mi mancano sia i nodles che il latte di cocco (che cerco da una vita su consiglio di Roby)…sono una frana vero!!??

    Un abbraccio cara
    monica

  11. Ah, le bietole allora!!! Mi chiedevo cosa fossero queste erbette… io non devo spingere niente perché ce le ho nell'orto, evvai! Mi piacciono tanto i noodles, un giorno abbandono tutti e me li faccio! Un grosso abbraccio Michy! Ci sono, di meno, ma ci sono!

  12. Erbette – tasto 76 – ho riso anche io come una matta!!!!

  13. Omar Orsini says:

    Un saluto, Michela.
    Ora scrivi spesso.
    E' un buon segno.
    Ciao.

  14. Edith Pilaff says:

    Tu misantropa? Guarda che fare il pane che fai tu ed essere misantropi allo stesso tempo e' un'impossibilita'.
    Complimenti a te e a Vaty per questa delizia a quattro mani.
    La salsa di pesce in tubetto?Parliamone! Ma e' la Nam Pla?
    Pad thai kisses,xxx

    • Eh, cara Edith, un pò misantropa lo sono. Ma il pane è un esercizio solitario, per quello mi viene bene 😀

      Grazie davvero!
      La salsa di pesce non ricordo come si chiami..è dell'ikea.
      Baci belli!

  15. Flavia D D says:

    Quanti ricordi quella vista meravigliosa con la tua gemma a dare quel tocco in piu

  16. FrammentAria says:

    uhm…io vado dal fruttivendolo e indico col dito "dammi quelle" :-DDD
    (un sorriso a tanti denti ad entrambe voi due bellissime!)

  17. Vediamo se riesco a commentare, è da ieri che ci provo! Stelline mie, che bello tornare e vedervi insieme in questo post da matte bellissime quali siete! E poi ho il latte di cocco anche io in dispensa…che per trovarlo faccio i salti mortali ma questo piatto lo devo provare! 🙂 Vi bacio …anzi, ti bacio tesoro!

  18. Cristina says:

    Hehe leggendo anche il post di Vaty mi avete fatta ridere di gusto…
    Se solo trovassi sto latte di cocco… Da me non trovo un tubero secco! ^_^

    • Ciao Cristina, benvenuta 🙂
      Mi spiace che non trovi il latte di cocco. I grandi supermercati ce l'hanno, quindi se ti capita di passare in un centro commerciale sono certa lo troverai 🙂
      A presto!

  19. Kipepeo says:

    Eh sì, al Nord si chiamano erbette, fino all'Emilia sicuramente, vedi il mirabile piatto emiliano , l"Erbazzone".

    • Ciao Kipepeo 🙂 effettivamente l'erbazzone non lo conoscevo, ma adesso che me l'hai accennato l'ho cercato su google 🙂

    • Kipepeo says:

      Per quel che riguarda il latte di cocco, non lo si ricava dal liquido dissetante che contiene la noce, ma dalla polpa. Puoi facilmente fabbricartelo anche partendo dal cocco secco grattuggiato. Conviene perché facendolo in casa puoi sgrassarlo ed evitare il burro di cocco, una delle cose più colesterose che esistano. Io ho la possibilità di avere sempre latte di cocco fresco a disposizione. Un giorno ti farò vedere il buffo istrumento che serve per farlo.

    • Infatti sai, un mezzo dubbio mi era venuto. Ma in effetti non ho esperienza in materia, l'ho usato una sola volta (questa). Si, mi farebbe piacere vedere lo strumento, perché sono una persona molto curiosa 🙂

      Grazie!

  20. Pingback: Noodles al latte di cocco, zenzero e bietole | pensieri e pasticci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *