Scorzette d’arancia candite…e preservate i vostri cuori

Abbiamo la presunzione, troppo spesso, di poter tenere sotto controllo tutto, e invece non è così. Le cose, i momenti, le emozioni e le persone, spesso ci vengono a cercare. Vengono a stanarci nella grotta in cui ci siamo rifugiati per proteggerci dal mondo esterno, vengono a tirarci fuori, e non sempre con gesti aggraziati.
Quando sono cose, momenti, emozioni e persone belle, spesso può essere un abbraccio a tirarci fuori, o una carezza, o un sorriso. Molto spesso un gesto involontario. O la pazienza di qualcuno che sa stare sulla soglia ad aspettarci, ad aspettare che siamo pronti per muovere un passo.
Altre volte sono invece cose, momenti, emozioni e persone brutte, che con più violenza irrompono nella nostra vita per venirci lo stesso a tirare fuori e che, nel male, ci fanno affrontare la realtà.
La realtà che spesso è amara, spesso crudele, molte volte dura, ma che ci fa vedere quanto siamo in grado di crescere esattamente mentre ci misuriamo con essa.
Qualcuno leggendo penserà che sto dicendo una marea di cose ovvie.
Forse.
Per me non lo sono state e non lo sono ancora. Ancora ho tante cose da guardare dentro di me, per potere un giorno volare anche io. Non lo so se volerò mai, ma potrò dire di averci provato. D’avere avuto a volte voglia di fuggire, d’avere sfebbrato malesseri in notti insonni, d’esser crollata ma poi aver saputo aspettare che le cose si calmassero per guardarle da lontano. Una volta non basta. Si cresce davvero quando si affrontano tanti di questi momenti.

Vi lascio con un cosa bellissima che ha scritto la mia amica Elisa, e che io ho fatto mia in periodi non sospetti.

Dopo tanto dolore si può scegliere di divenire parte di esso, annientando ciò che di buono si porta dentro. Oppure è possibile far tesoro delle sconfitte, per renderle ciascuna una spina che ci rammenta dove non dobbiamo più sbagliare: ogni esperienza può essere un monito futuro, un’occasione per divenire guerriero! Tutte insieme saranno uno scudo, utile a preservare il cuore.


La ricetta

Mi servivano i canditi per fare una cosa che non posso svelare, ma se so una cosa al mondo, è che i canditi buoni non si trovano facilmente. Ci avevo sbattuto la testa qualche tempo fa, quando non avevo ancora un blog, e avevo fatto una cassata siciliana: per cercare i canditi è stato un delirio e nemmeno li ho trovati come li avevo in mente io. Ma meno male che ho un faro speciale a illuminarmi il cammino, lo Zio più famoso del web, che quando gli ho chiesto “dove posso trovare canditi decenti qua a Roma?“, m’ha risposto

mercati rionali? alimentari vecchio stampo? …oppure te li fai da sola” 😀

Ahahahahaha…un Uomo, un mito :’)

Così facili da fare che si fa fatica a crederci.

Ingredienti:

Bucce d’arancia (io ho usato arance del mio albero)
Acqua
Zucchero

Procedimento:

Lavate molto bene le arance e incidete gli spicchi come vedete in foto

Dopo l’incisione, sbucciate e con il coltello ricavate delle striscioline
In un pentolino mettete acqua (quanto basta per coprire) e le scorzette
Portate a bollore e poi scolate. 
Rimettete nel pentolino con acqua pulita e riportate a bollore. 
Scolate
Pesate le scorzette e a parte pesate pari quantità di zucchero e metà di acqua
Rimettete nel pentolino e fate bollire fino a completa evaporazione, stando attenti a non caramellare (sennò chi lo regge a Zio :D) 
A evaporazione avvenuta, fate freddare le scorzette su un foglio di carta forno


23 Responses to Scorzette d’arancia candite…e preservate i vostri cuori

  1. Ely says:

    Oracolina mia.. non dici affatto cose scontate. E' vero.. è tutto vero e io ti auguro di volare presto, piccola grande guerriera. Anche io devo cercare ancora le mie ali.. e spero di trovarle. Dobbiamo di certo continuare a credere che sia possibile, lottare e rialzarci dopo ogni delusione o dolore. Sei un tesoro e spero che le mie parole siano come una carezza dolcissima che ti accompagni tutta la vita. Ti voglio tanto bene, amica mia. <3 Le tue scorzette sono una meraviglia. Devo provarci anche io! <3

  2. lalexa says:

    Non saranno mai cose ovvie, spero che ci sia sempre da pensarci e ripensarci… le persone più fredde e pericolose sono quelle che credono ovvie cose di questa profondità!!

    E queste scorzette… che meraviglia!
    Un bacio

  3. Non sono cose scontate, affatto. Non ci pensiamo mai troppo a questo e spesso ci lasciamo andare, faccio passare il tempo, sprecandolo… Almeno questa al momento è la mia visione del mondo e delle tue parole. Un bacio Michy… Speriamo che vengano tante cose belle a tirarti fuori dalla grotta!

  4. Ciao Miky, spero anche io un giorno di volare, anche se alcune volte la realtà è così dura e crudele che il coraggio e un respiro a pieni polmoni non sono sufficienti ad affrontare…
    ….Ma come dici tu, dobbiamo essere guerrieri e lottare e ancora lottare, per poi un giorno essere liberi e leggeri e planare felici!
    Le tue scorzette sono un ' amore! Un abbraccio forte Angela

  5. Zonzo Lando says:

    E ce la farai a volare Micky! Te lo auguro con tutto il cuore 🙂 Ma lo sai che queste scorzette le faccio anche io … ma poco perché se no me le mangio tutte in una sera ehehhe Bacioni cara!!

  6. Valentina says:

    Michi, non sono affatto ovvie queste cose… Ti auguro di volare presto, tesorina bella, con tutto il cuore 🙂 Queste scorzette son troppo belle, voglio farle anche io! 😀 Un abbraccio stretto stretto e l'augurio di uno splendido fine settimana :*

  7. Andrea says:

    Io vedo i rondinotti che tutti gli anni nascono dentro il garage di casa mia. Giorno dopo giorno diventano sempre più grandi, ma rimangono sempre lì nel nido, anche se stanno stretti stretti. Poi un bel giorno non li vedi più: hanno spiccato il loro primo volo ed il nido rimarrà vuoto. Bisogna aspettare e cogliere il momento giusto. Magari ci si può anche accontentare di volare basso, ma è più che sufficiente per sentirsi liberi. A presto

  8. m4ry says:

    Michela..stare al mondo non è facile..non lo è affatto..e ogni giorno ci si presenta d'avanti una nuova sfida..ciò ce hai scritto è totalmente condivisibile..ce la faremo..vedrai..sono certa che fino alla fine ce la faremo..mi ci metto pure io, perché è un periodo che non faccio in tempo a rialzarmi per tentare di spiccare il volo, che ricado da capo..e a volte c'è chi mi tir giù..o forse sono io che mi faccio tirar giù..

    Le tue scorzette sono deliziose…

    Ti abbraccio..

  9. Vaty ♪ says:

    Tesoro, invece io ho letto con grande piacere e commozione queste tue parole.. Non c'è cosa piu bella che far parlare il cuore perché aiuta tantissimo .
    Io voglio un mondo di bene a Ely e concordo con le tue e sue parole, in pieno. Sto giusto scrivendo un post.. E sai cosa? Sembra che siamo in sintonia..come vedi tu non sei sola con questi pensieri mia cara.
    Ti abbraccio e faccio complimenti per queste scorzette così profumate e delicate. Un po' come te.

  10. Matteo says:

    :'

    Ti abbraccio forte anch'io :*

  11. fantastiche! non pensavo fosse così semplice prepararle , grazie per aver condiviso con noi questa ricetta.

    Le tue parole a inizio post non sono per niente banali, anzi…
    un abbraccio

  12. Non sono parole scontate anzi non tutti capiscono quello che hai detto,, purtroppo la vita sa essere crudele e farci soffrire ma se riusciamo a fare nostro il dolore possiamo rialzarco ed essre piu' forti… le persone attorno a noi ci possono aiutare molto e con dei piccoli gesti farci stare meglio…
    i tuoi sono sicuramente buoni come canditi ed e' vero che non si trovano facilmente:)
    un abbraccio

  13. Lo Ziopiero says:

    Belle parole, bei commenti e…belle scorzette! :))

    Cosa ci farai….?

  14. A volte abbiamo bisogno di sentire cose ovvie… Le tue scorzette candite devono essere fantastiche. Cavoli, sono davvero così facili da fare??
    Buona serata
    Maggie

  15. carmencook says:

    Che bella ricetta Michela!!
    Mi piace l'idea di potermi fare da sola le scorzette d'arancia candita!!
    Immagino che profumino!!
    Un bacione e buona settimana
    Carmen

  16. Berry says:

    Le dolci ma forti parole di Ely e le tue riflessioni sono un contorno meraviglioso delle tue scorzette candite. La mania del controllo è la presunzione dell'essere umano, l'umiltà di ritrovarsi normali e incapaci è anche la nostra ricchezza. Siamo fallibili, siamo vivi!
    Un abbraccio…

  17. Elle says:

    Vivere rannicchiati nel proprio angolino al riparo dal mondo significa non vivere. La vita, come tale, necessita di essere vissuta fino in fondo. E questo include grandi gioie ma anche grandi dolori. perché gli uni sono necessari alle altre: senza dolore non si può capire la gioia. E la gioia più grande é piena di dolore. È inutile cercare di proteggersi e controllare tutto perché la vita, per sua natura, troverà l'unica falla che abbiamo lasciato solamente che se rimaniamo rintanati lontano da tutti non avremmo nessuno con cui dividere gioie e dolori.
    Le scorzette candite le ho fatte pure io l'anno scorso. Solo che non appena si à indurito lo zucchero sono rimaste tutte bruttissime, una appiccicata all'altra e io le avevo bisogno intere. Un bacio

  18. Roberta says:

    Michi, le tue parole potrebbero sembrare scontate solo a chi non abbia vissuto le emozioni, i dolori, le sensazioni di cui parli.
    Nulla è scontato quando si vive sulla propria pelle!
    Volerai un giorno, come la gabbianella di Sepulveda, con il cuore che batte al ritmo delle tue ali a lungo negate! Ne sono certa!
    Ti abbraccio gabbianella mia 🙂

  19. Roberta says:

    P.s. ovviamente adoro le tue scorzette home made con le arance del tuo albero…100% amore!

  20. Bene, lo Zio aveva ragione!
    E le tue scorzette sembrano favolose!

  21. c'è giusto cuore e buona mente per non farcela nei momenti no!
    e W i tuoi canditi homemade.
    ti abbraccio

  22. Carissima Micky..arrivo un po' tardi sul tuo post..questo week end ho avuto pochissimo tempo…
    E' tutto vero quello che hai scritto, e mi piace tantissimo quello che ha scritto la tua amica Elisa, se non ti dispiace me lo copio e la faccio mia anch'io…Io non ci sono mai riuscita a tenere tutto sotto controllo, nemmeno lontanamente, e nemmeno io alla mia età ho ancora imparato a 'volare' sai..ci sto provando, ma alterno momenti e giorni di luce a giorni di buio totale…sai che ti dico? Che il blog e persone come te sono state simbolicamente per me 'una mano' ad uscirne, a ritrovare speranza ed ottimismo.
    TVB, Roberta
    n.b. lo 'Zio' ha ragione, meglio di farsele in casa le scorzette non c'è niente..attendo quello che preparerai con queste delizie!!!

  23. Mammalorita says:

    non c'è mai niente di ovvio e di scontato…io ad esempio prendo ancora lezioni di volo!!!!buonissime le scorzette sapessi come stanno bene sui cannoli….un bacione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *