Involtini gustosi…e la lettera che tanto aspettavo

Clicca sulle immagini per ingrandirle
La premessa: 
la posta me la faccio arrivare per comodità a casa dei miei. 
Il fattaccio: 
Pomeriggio pre-ponte, quasi sera. Viaggio di ritorno a casa dei miei per il week end lungo. Roma allagata. Per strada, per uscire a da Roma, andando verso sud, il diluvio universale. 
Visibilità: nessuna
Pioggia: incessante
Vento: a trenta gradi sotto zero (per parafrasare Battiato)
Dopo un infinito tragitto in macchina arrivo a casa dei miei. Mente si apre il cancello vedo nella buca della posta (esposta alle intemperie) che è arrivata qualche lettera. Vabbé, poi si prende, penso. 
Parcheggio, lotto con Gemma che incurante della pioggia mi aspetta come se fossi una polpetta di carne vivente (e in effetti lo sono, a pensarci bene). Sta sull’attenti nella cuccia. Non uscirà con questa pioggia, penso io. Che stupida. Ancora non conosco l’amore dei cani? Esce, mi salta addosso, mi imbratta tutta. Piove? a lei non importa. Mi sento in colpa perché non posso coccolarla, ingoio il mio nodo di tristezza a non poterla stringere ed entro in casa. 

Poso le mie cose, mi lamento del traffico, prendo il caffé che mi ha preparato Papà: invado la casa.

C’è posta, mi ricordo di dire.

Mio Padre tentenna, borbotta, poi esordisce “Mi metto un cappello e vado a prenderla“.
Papà non sta benissimo in questo periodo, meglio di no.

Ma smettila! Aspetti degli assegni? gli chiedo con la mia solita aria sbrigativa.
No!
E allora chi se ne frega, che vuoi che sia mai arrivato? La posta può aspettare!

Mi ignora. Aspetta che vado in bagno e va a prendere la posta lo stesso. Me lo trovo con due lettere in mano, una è tua, mi dice. Solita lettera della banca? Solita bolletta della chiavetta internet. No!

Leggo l’intestazione inglese della lettera e impallidisco. Non ci credo. Non ci credo. Realizzo. Prendo coscienza. Mi arrabbio!

Perché nella lettera c’erano i biglietti del concerto dei Sigur Ròs a Londra, per il prossimo anno, e perché mi ero quasi dimenticata che dovessero arrivare, e perché porca miseria, perché dovevano arrivare proprio in un giorno di pioggia????

Risultato? la busta zuppa di pioggia, i biglietti bagnati e mio padre in sottofondo dalla cucina che se la rideva “tanto che sarà mai arrivato”, mi faceva il verso.

Ora, qui c’erano due possibilità:
1) Lasciarmi trasportare dalla rabbia, farmi venire un coccolone, e stare male.
2) Prenderla con filosofia, riderci su, che tanto poi s’asciugano.


Massì…tanto poi s’asciugano.

Ingredienti
4 fettine di vitella 
1 uovo
Parmigiano
200 gr di macinato di maiale
Un trito di cipolla, sedano e carota
Pan grattato
Zenzero
Paprika
Sale e Pepe
Olio
Procedimento
Ho unito alla carne tritata l’uovo, il parmigiano, il sale, il pepe, la paprika e lo zenzero. Ho aggiunto una spolverata di pan grattato e ho impastato per bene. 
Ho steso le fettine di vitella le ho riempite al centro con un salsicciotto di carne tritata e ho arrotolato formando un involtino, fermandolo con uno stecchino. 
In una padella ho messo un giro di olio, il trito di cipolla, sedano e carota e ho lasciato andare sul fuoco per circa cinque minuti. Ho aggiunto i miei involtini, li ho fatti fermare su ogni lato e poi ho sfumato con del vino bianco. Una volta evaporato il vino, ho aggiunto poca acqua calda per volta, fino a cuocere gli involtini. 
Ho servito gli involtini su un letto di patate lesse, irrorate della salsina degli involtini. 


20 Responses to Involtini gustosi…e la lettera che tanto aspettavo

  1. m4ry says:

    Bravissima ! E immagino che ora siamo perfettamente asciutti 😉
    Mi hai fatta ridere parecchio mia bella polpettina vivente 😀
    Involtini deliziosi…ma non avevo dubbi 🙂
    Bacio grande tesoro e buona giornata !

  2. I biglietti per Londra dovevano arrivare in un giorno piovoso per essere in perfetta armonia con il consueto tempo Londinese. :-D.
    Complimenti per gli involtini.

  3. Ahahaha quoto il commento sopra al mio, ti devi abituare al clima! Dai che tanto si asciugano, l'importante è che ci sono no? Buon weekend a casa Michy!

  4. Buoni gli involtini!!
    Biglietto bagnato biglietto fortunato, no?!!
    Io cerco sempre il lato positivo!!

  5. carmencook says:

    Che meraviglia Michy!! Vai ad un concerto a Londra!!!
    Dai non preoccuparti tanto i biglietti si asciugheranno!!
    Al massimo, puoi dargli una bella stiratina e vedrari che torneranno come nuovi!!!
    Scherzo tesoro!!!
    Comunque compolimenti per gli involtini devono essere slurposissimi!!
    Un bacione e buona serata
    Carmen

  6. Ely says:

    Ahahah, tesò.. sisi, si asciugano! 😀 Che bella notizia, almeno qualcosa di positivo dopo pioggia, freddo, vento, giornataccia.. no? 😀 Che tenera però la cagnolina.. forse avrei bisogno anche io di un pelosino che mi ami un po' 🙂 Un abbraccio forte e.. vabbè, che sei super brava ai fornelli si sa.. sono meravigliosi questi involtini!! 🙂

  7. Simona says:

    Ma si che si asciugano!!!:) che meraviglia un concerto a Londra, io non ci sono mai stata ma dev' essere fantastica!!! E fantastici sono questi involtini…che bontà Michy!!! Un bacioneeeee

  8. Ma siiiii!!
    Si asciugano!
    Giusto il tempo di spazzolar i tuoi buonissimi involtini e sono come nuovi!
    Morale della favola: anche se piove, mai lasciare piena la cassetta della posta…!
    Baciiiii!!

  9. @Mary, 😀 uoi, la polpetta c'est moi! 😀

    Grazie a tutti ragazzi e ragazze :**

  10. sandra says:

    Bella susina, si sono asciugati vero? Diglielo al babbo che i biglietti per il concerto dei Sigur Ros non sono una cosa da prendere sottogamba se si bagnano…. lo sai che ti invidio vero? Aspetto un post con tutto-tutto-tutto- scritto e anche musicato!!!!
    Belli gli involtini di carne con il salsicciotto di maiale dentro! Buonanotte passerotto!
    Sandra

  11. @Susina mia, si sono asciugati 🙂 certo si vedere che sono un pò stropicciati, ma vabbé. Certo che ti scriverò tutto…ti dedicherò un post immenso 😀
    Tesoro, ti abbraccio tantissimo :*

  12. Qui in Svizzera diciamo che se non piove non é un open-air degno di nota. Quindi direi che i biglietti bagnati sono di buon auspicio (anche se probabilmente si tratta di concerto al chiuso)… poi, detto tra me e te, mi sa che la pioggia te l'hanno consegnata con i biglietti per metterti in puro clima Londinese 🙂
    Gli involtini di carne mi piacciono molto, poi le speziette che ci hai aggiunto danno quel tocco in più che mi piace un sacco. Un bacino

  13. vai… che bello.
    voglio tornare senza figli per programmare un viaggio solo per il gusto di andare ad un concerto. che lusso!
    bravaaaaaa
    baci
    alice

  14. Ciao! Allora sono asciutti i biglietti?
    Sai che anche il mio cane fa la stessa cosa?..tutto bello infangato mi 'zompa' addosso…ma a loro che gliene importa, hanno troppo affetto da distribuire!
    Buonissimi questi involtini!!!
    Bacioni, Roberta

  15. Patty Patty says:

    Guarda che secondo me sono proprio partiti con la pioggia, erano bagnati prima di arrivare da te. Anche io come Alice quassù non ricordo più cosa voglia dire andare ad un concerto!! Brava, goditeli! Un bascio, Pattipa

  16. Zonzo Lando says:

    Carissima abbiamo trovato un'altra cosa in comune: ci piacciono i Sigur ROs!!!! Sono andata al loro concerto a Verona i primi di settembre 😉 Certo che a Londra deve essere ancora più bello 🙂 E adesso mi vado a vedere l'ultima ricetta che hai postato… ho già visto robine buone buone 🙂

  17. Matteo says:

    Non so se ridere o piangere 😀 -_-

    Certo però, che pure loro, 'sti biglietti dall'Inghilterra potevano pure impacchettarli come cristo comanda… erano avvolti nella carta igienica? Busta resistente e impermeabile no, eh? Vabbè che in fondo sono solo 90 euro de biglietti… :'D

    Ma quando arriva marzo?! :*

  18. @Elle, per fortuna sarà un concerto al chiuso…comunque a Marzo manca ancora tantissimo..pfff 😀
    @Alice, ogni cosa ha i suoi pro e i suoi contro…io forse preferirei avere un figlio :')
    @Roberta, allora sai cosa si prova? io la amo anche se mi fa arrabbiare…il suo affetto mi riempie.
    @Elena, wow…altro punto in comune :')
    @Matté, ridiamoci su 😀 macché busta impermeabile…maledetti…
    Già..ma quando arriva Marzo? non vedo l'ora di goderci questo viaggio insieme *__* :**

  19. Roberta says:

    Concerto a Londra?!? Tanta roba mia cara, vai tranquilla che di qui a marzo saranno asciuttissimi!
    Proverò i tuoi involtini, un abbraccio grande grande 🙂

  20. questa ricetta mi era sfuggita, ottima 🙂

    i biglietti bagnati…disperazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *