Gnocchi di zucca con pancetta e philadelphia…e un autentico culo di gallina

Ieri sera ho insegnato alla mia coinquilina a fare un uovo fritto in padella. Si si, avete capito bene. Mettetevi comode, se avete pop corn alla mano tanto meglio, e godetevi questa scenetta. 
Pomeriggio un pò triste. Si vede dalla cucina. Non sperimento, non progetto, non scrivo ricette, non faccio niente. A un certo punto mi ricordo che devo cenare, ma non ho voglia di prepararmi niente (si, succede pure a me). Decido di prepararmi una minestrina sciué sciué, e anche la mia coinquilina ha la stessa idea. 
Ora, dovete sapere che la mia coinquilina non ama mangiare e mangia più o meno sempre le stesse 4 cose in croce che consistono in: fettina panata, pasta, patate al forno e qualcosa pronto della mamma. Lei qui a Roma non compra uova, dice che non sono genuine, che lei è abituata alle uova della fattoria del fidanzato giù al paesello…insomma, uova bandite. 
Qualche giorno fa, mossa a compassione, le ho detto “Guarda, ci sono le uova della “fattoria” di mia mamma in frigo, quando vuoi mangiarti un uovo, prendi pure quelle“.
Ieri mi informa che per cena pure lei vuole la minestrina, e che vuole farsi un uovo fritto, ma lo cuoce al momento perché le piace caldo. Bene. 
Mentre io finisco la mia minestrina, piuttosto silenziosa, lei finisce prima e si alza a fare sto benedetto uovo. 
Anche se non la guardo in modo diretto, perchè rimane alla mia sinistra, la sento titubare. La ragazza tituba. Lo sento che sta per chiedermi qualcosa, allora mi giro e infatti mi dice:
Secondo te posso metterlo?
Basta che l’olio sia caldo
Uhm” sempre più titubante
C’è bisogno che vengo?
Mi sa di si” ride.
Mi alzo, mi affaccio sulla padella come un chirurgo su un’operazione a cuore aperto. Tre, e dico tre, dita di olio, manco dovesse friggere un campo di patate. 
Le faccio notare che non c’è bisogno di tutto quell’olio, ma sarà per la prossima volta. 
Butta l’uovo dentro. 
Le spiego che deve far cuocere bene la chiara. Ma come? mi dicono i suoi occhi. 

Intanto per esempio potresti prendere una forchetta invece del cucchiaio, le dico. La pungi un pochino, la smuovi un pò, lasci tre minuti e incredibilmente l’uovo è cotto. Mi giro tre, e dico tre, secondi, e me la ritrovo che con il cucchiaio pesca l’olio e lo butta sopra l’uovo, perché giustamente secondo la sua logica, se butti l’olio bollente sopra un uovo, quello si cuoce. Certo! 
L’uovo è cotto, fumata bianca dalla nostra finestra. Ci risediamo finalmente a tavola. 
E così hai imparato a fare l’uovo fritto” le dico “e pensa: è anche di autentico culo di gallina!
Ride.

Ingredienti per 4 persone:

Per gli gnocchi 

300 gr di farina
100 gr di zucca
1 pizzico di sale


Per il condimento


1 panetto di philadelphia
100 gr di pancetta
Salvia
Sale e pepe

Procedimento:

Lasciate appassire la zucca in una pentola con il coperchio e un dito di acqua. Frullatela nel robot da cucina. 
Su una spianatoia preparate una fontana di farina e al suo interno mettete la zucca frullata e un pizzico di sale. 
Impastate il tutto per una decina di minuti e poi tagliate gli gnocchi che cuocerete in abbondante acqua salata. 
Nel frattempo mettete in una padella antiaderente la pancetta tagliata a dadini. Quando diventerà lucida, aggiungete il philadelphia con un pò di acqua di cottura della pasta. Aggiustate di pepe, unite la salvia tritata e mescolate bene per far sciogliere il philadelphia. 

Versateci dentro gli gnocchi cotti, spolverate di parmigiano e amalgamate bene.


25 Responses to Gnocchi di zucca con pancetta e philadelphia…e un autentico culo di gallina

  1. m4ry says:

    Quanto sono buoni gli gnocchi di zucca :)) Li ho preparati anche io domenica :)) Ti sono venuti favolosi 🙂
    Bacio !
    Mi hai fatta ridere parecchio con questo post 😀 !

  2. Grazie Mary 😀 un bacione

  3. Simona says:

    Mi hai fatto morire dal ridere Micky!!!
    Per me che adoro la zucca questi gnocchi sono da urlo!!!! Bravissima!!!
    Un bacione e buona serata

  4. Ely says:

    Ahah! Miki che stella sei! Mi sono immaginata tutta la scena, che spettacolo!! 😀 Ti abbraccio forte e.. complimenti per questi gnocchetti alla zucca davvero deliziosi! :)) Sei troppo brava…! 🙂 Un bacione cara!

  5. Un condimento semplice, ma perfetto per questo piatto di gnocchetti alla zucca, che fanno molto autunno!
    baci baci

  6. carmencook says:

    Che divertente il tuo post e che buoni i tuoi gnocchi!!
    Voglio provare a farli anch'io!!
    Sei proprio brava Michy!!
    Un bacione grande Carmen

  7. Ahahahah! XD

    Buoni questi gnocchi!! Li ho fatti una sola volta con la zucca e non ero ancora esperta ad ammassare (anzi, era la prima volta) quindi ho avuto un pò di difficoltà… e da allora non ci ho riprovato. Prima o poi….

    Bacio michi :*

  8. Matteo says:

    Io non ci ho le parole, ecco. :'D

    Per quanto riguarda la ricetta, ehm… passo. Gli gnocchi son belli a vedersi, ma io e la zucca proprio non ci troviamo. :p

  9. Viva il culo di gallina! 😀
    Buoni gli gnocchiiiiiiii! 😛
    Un bacione Michi :*

  10. Ahahahah stella, che scenetta divertente. A parte gli scherzi però, noi stiamo qui ad arroventarci a creare ricette originali per stupire, però a volte ci dimentichiamo che ci sono persone che non sanno fare niente in cucina. Pertanto anche delle ricette che noi consideriamo banali potrebbero essere utili. Quindi la prossima volta ti lascio rubarmi la ricetta dell'uovo sodo… postala tu che così puoi fare la trilogia dell'uovo: fritto, sodo e magari anche frittata. 🙂 Baci

  11. Sto ridendo da sola come una matta!!!! Però dai fa tenerezza la tua coinquilina:) ora ha imparato a fare l uovo fritto!!!
    Quanto mi piacciono gli gnocchi di zucca, e con quel sughetto sono perfetti 🙂

  12. Valentina says:

    Ahahahahahaahah! 😀 Che forte questa scenetta 😀 Ma lo sai che io un anno e mezzo fa (forse anche un po' meno) ero come la tua coinquilina? 😀 Comunque questi gnocchi sono specialiiiii 😀 devono essere squisiti, complimenti tesorina! 🙂 Un abbraccio grande e buona giornata! 🙂

  13. Zonzo Lando says:

    Ahahhaha bellissima questa! Ma certe volte mi chiedo come e dove è vissuta sta gente per non saper fare un uovo al padellino. In cucina con mamma non ci sono mai state? Era zona off limits? Sante mamme che viziano i figli ehehe Buonissimi gli gnocchi! zucca e pancetta stanno da Dio insieme! Bacioni cara!

  14. Piacere di conoscerti! Mi hai fatto ridere, quanti ricordi con le mie di coinquiline imbranate in cucina 🙂 Che delizia i tuoi gnocchi, voglio provare a farli anche io!
    Alla prossima,
    Danja

  15. Roberta says:

    Ahahahaha, povera coinquilina, ma come si fa?!? Meno male che è capitata in casa con una cuoca straordinaria e food blogger in carriera!!
    Buoni gli gnocchetti, ho giusto una zucca INTERA in frigo, sarebbe un buon modo per consumarne almeno un po'!!
    Baci Michi 🙂

  16. Vi ringrazio tutti per la partecipazione alle mie sciagure 😀

    @Elle, la trilogia dell'uovo mi sembra una osa utilissima, ma non pensi che poi mi cacciano da blogger? 😀

    @Roberta, mia mamma in questo periodo ha zucche da vendere….quando le apriamo è tutto un distribuire a destra e sinistra e ci inventiamo tutti i modi per consumarla 🙂

  17. @Ombretta….mi piacciono le persone che ridono da sole 😀 sei pazzerella come me :'))))

  18. Miracoloooooo!!!
    Miracoloooooo!!!
    🙂

  19. Sara says:

    Il racconto davvero troppo esilarante :D! gli gnocchi..chetelodicoaffaaa???? :D! bellissimi..poi con la zucca..speciali :)!

  20. Che forte che sei ma che tristezza sapere che c'è chi nemmeno sà cuocersi un uovo in padella!
    Ottimi questi gnocchi 😀

  21. Stava proprio messa male la tua inquilina…^_^

  22. Matteo says:

    P.S. Complimenti per aver raggiunto (e superato) i 100 followers!! *__*

  23. @Matteo, grazie Gioia mia *__*

    Un bacione a tutti tutti tutti!

  24. Oddio, mi ricorda qualcuno ma non posso dire chi! 😀 E comunque l'uovo al tegamino era l'unica cosa che ero bravissima a fare prima di due anni fa! Ma sta coinquilina non può imparare qualcosa dalla cuoca di casa!? Evviva i 100 followers!

  25. valentine says:

    la tua coinquilina è un personaggio!
    io una volta ho dovuto insegnare ad una mia coinquilina come si fa la frittata, ma non la cottura, eh!, bensì come si sbatte l'uovo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *