Finti garganelli home made

La cucina è fatta di esperimenti. Molte volte ben riusciti. Alcune volte falliti. Questo non è un esperimento proprio fallito…diciamo non esatto! Avevo visto i meravigliosi garganelli di Martina e non ho saputo resistere perché per me la pasta fatta in casa ha un fascino misterioso e solenne. L’adoro! 
Io non possiedo l’attrezzo per fare i garganelli, però l’ho sostituito con una paletta rigagnocchi e una matita. 
Il problema è che siccome sono sbadata, spesso mi  capita di fare le cose e di non essere precisa. Non che sia una cosa voluta, mi capita e basta. 
Bene, non so perché, anche avendo visto le foto, al momento di realizzarli, ero convinta nella mia testa che il garganello fosse rigato solo nella parte centrale e non il tutto il “corpo” come realmente è. Per cui mi sono attrezzata per farli rigati solo al centro. Finché poi un mio amico al telefono mi ha detto “ma guarda che i garganelli sono tutti rigati, eh!“. Sciagura! aveva ragione. Peccato che li avevo già digeriti!
E come se non bastasse, i garganelli sono fatti all’uovo…e io cosa ho pensato bene di fare??? di farli solo acqua e farina. Si, l’avevo letta la ricetta, ma mi ero concentrata più su come far venire la forma e alle uova non ci ho fatto caso. Come dire…un dettaglio da niente!
Insomma, sono un disastro, sono approssimativa, e questi sono i miei garganelli finti. 
Meno male che erano buonissimi. E poi mi sono divertita perché mi ha aiutato mio Papà: io li facevo e lui me li sistemava sui vassoi e mi preparava i quadrotti 🙂
Nei prossimi giorni vi posterò la ricetta di come li ho cucinati. 
Un giorno vi farò anche quelli veri 😀
PS: andate a vedere la ricetta di Martina linkata sopra, che ha pubblicato anche un utilissimo video 🙂

Ingredienti: 

400 gr di farina
2 cucchiai di olio
Acqua q.b.
Un pizzico di sale

Procedimento: 

Ho impastato la farina con l’olio, l’acqua e un pizzico di sale, finché non ho ottenuto un composto liscio ed omogeneo. Ho lasciato riposare l’impasto per circa 30 minuti. 
A questo punto ho tirato la pasta dello spessore che mi piaceva (Martina consiglia giustamente di non farla troppo sottile). Ho sovrapposto le sfoglie una sull’altra, separate da una spolverata di farina. 
Ho ritagliato dei quadrotti e ho realizzato i miei garganelli usando una matita ben pulita e la paletta rigagnocchi. Come già detto, in questo caso io ho lavorato lateralmente alla paletta per rigare solo il centro del garganello, ma se volete farlo tutto rigato, ponete il vostro quadrotto al centro della paletta. 


27 Responses to Finti garganelli home made

  1. Matteo says:

    Oh, saranno pure finti e senza uova, ma io li trovo stupendolosi! *__*

    (Fra due settimane è il mio compleanno. Voglio la paletta rigagnocchi. XD)

  2. Monique says:

    Rigati al centro, dalle parti, zebrati e a pois..ma che importa??ti sono venuti troppo carini! Io conierei un nuovo formato:-)

  3. Ma che sbadata: tu sei geniale! Un tempo non avevano mica tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione oggi e si dovevano ingegnare. Oggigiorno siamo abituati troppo bene, per cui quando ci troviamo dinnanzi a delle lacune o dei problemi fatichiamo a porvi rimedio. La soluzione della matita é fortissima! E le striature parziali sono il tuo marchio di fabbrica, no? Nella vita bisogna sempre differenziarsi. Per quanto riguarda l'uovo, invece, ti ringrazieranno tutti gli intolleranti! Pertanto, sebbene adori Martina ed il suo blog, tu sei stata addirittura superiore: ricetta dietetica e personalizzata. Magnifica!

  4. m4ry says:

    Io direi che sei tutt'altro che un disastro e trovo questa pasta originalissima, poi, nella mia tradizione, quella pugliese, la pasta è fatta solo con acqua e farina, quindi per me…questa pasta vale un 10 e lode !
    Bacio tesoro !

  5. Roberta says:

    Davvero Michi, io mi associo a Elle, se la tua sbadataggine ti fa produrre queste cose evviva, sono bellissimi e poi il vero genio non sta nel fare le cose che fanno gli altri ma nel fare le cose a modo proprio!!!
    Baci Socia, sei straordinaria e…un bacio speciale al tuo assistente!! 🙂

  6. Ely says:

    Mitica tesò!! Tu si che sei fenomenale.. questo sì che è un esperimento riuscito!! (mica come la torta che ho in forno adesso, che a forza di sperimentare qualcosa prima o poi va storto.. oh povero limone, che brutta fine…)
    Una meraviglia questi 'finti' garganelli, nulla da invidiare a quelli veri stella mia! 🙂 Distraiti più spesso… 😉

  7. @Matteo, sei ciccino, grazie *__* pensa che la paletta l'ho pagata 0.90 € 😀 ahahahaha…appena la ritrovo te la compro, è stupenda!
    @Monique, corro a depositare il marchio 😀
    @Elle, sei un amore… 😀
    @Mary, proprio vero, che poi erano buonerrimi :-)))
    @Roberta, *__* grazie…porto il bacino speciale a Papà 🙂
    @Ely, grazie!! Sei una cretura speciale :')

  8. Mi associo sei un genietto delal cucina, sbagli gli ingredienti, non hai l'attrezzatura, ma nulla ti ferma… ti ingegni ti rimbocchi le maniche e via. Comunque per me sono anche più carini e particolari così.
    Brava
    ciao
    alice

  9. @Alice, proprio vero….sono così testarda che niente mi ferma…poi come ho detto, adoro la pasta fatta in casa, mi piace da morire :)) Grazie tesoro… :*

  10. Simona says:

    Secondo me è un esperimento stra riuscito!!! Sei stata bravissima!!! 🙂
    Quando mi deciderò a rifare la pasta fresca mi dai qualche consiglio???? Ne ho proprio bisogno!! Un bacione carissima e buon pomeriggio!

  11. Diemnticanze a parte a me paiono riusciti bene, soprattutto considerando che hai usato mezzi di fortuna (vedi la matita)…Inoltre secondo me la pasta fatta solo con acqua e farina è ancora più buona, quindi….Brava!!! ti metto nel blog, coem al solito…

  12. Finti, veri.. che ci frega! Sono bellissimi e buonissimi uguale! 😀 Brava Michiiiiii :*

  13. Ciao!!
    Ma guarda, a me sembra riuscitissimo il tuo esperimento! Seguo anch'io Martina, bravissima, la adoro!!
    Hai fatto uno splendido lavoro, poi sai che io vado matta per il kamut..quindi posso non provare a farli?…sto già pensando come produrre le righine…;-)
    Baci, Roberta

  14. Omero says:

    Parafrasando Matteo…

    Buoni saran buoni, buonissimi.
    Ma belli, son bellissimi! :)))))

  15. Ahahah! Vabbè dai Michi saranno stati comunque buonissimi.. anche la pasta acqua e farina ha il suo perchè:) eccome se ce l'ha.. le regole sono fatte per essere infrante!
    Baci e a presto:*

  16. Ma non dire che sono finti, di' piuttosto che hai inventato un nuovo tipo di pasta! I michenelli 😛 Vabbè, sto zitta, meglio! Sei un mito, chissà se arriverò mai a fare la pasta fatta in casa… ne devo fare di esperimenti! Smuack!

  17. Zonzo Lando says:

    Ahahha mi fai morire tu!!! Eppure ti son venuti bene lo stesso e se non mi avessi scritto che non erano tutti rigati io non ci avrei fatto caso… che sbadata! Per me un bellissimo risultato comunque! Buona settimana carissima e un abbraccio forte!

  18. i5mondi says:

    bè un esperimento buono no? a posto!!
    per quanto rigurda la sbadataggine? sfondi una porta aperta anzi un portone!!
    baci

  19. @Simona, ma prova! guarda che fare la pasta da un sacco di soddisfazioni :))
    @Marty, grazieeeee :')
    @Vale, Roberta, Omero, Caruccia, grazie ^__^
    @Polpetta…ahahahahahahha 😀
    @Elena, 😀 un abbraccio fortissimo a te!
    @5mondi, Grazie 🙂

  20. carmencook says:

    Li faccio anche io così con matita e arricciagnochi perchè non sono riuscita a trovare l'apposito attrezzo, però io li rigo interamente!!!
    I tuoi sono venuti perfetti!!
    Bravissima Michy!!
    Un abcione e buona serata
    Carmen

  21. Miky, io dico sempre che la perfezione mi annoia!
    Hai fatto caso a quanto spesso ci piace qualcosa (o qualcuno!) proprio perché è più 'bruttino' degli altri?
    La tenerezza che ci suscita l'imperfezione non si batte.
    E la soddisfazione di trovare la bellezza, la bontà e l'amore in qualcosa di imperfetto è la cosa più bella del mondo.
    Io AMO i tuoi finti garganelli, proprio perché sono così!

  22. @Carmen, sei un tesoro 🙂
    @Silvia, ti appoggio in toto: in fondo io amo l'imperfezione. Mi innamoro sempre delle cose più imprecise, e anche delle persone!
    Ti adoro *___*

  23. Ale says:

    ma cosa sono queste meraviglie…brava Micky!

  24. sandra says:

    belli belli belli da morire!

  25. a me piacciono molto i tuoi 🙂

  26. oh, ma che belli, difficile rigarli solo al centro!
    Ottima l'idea della matita. Anche io a volte faccio come te, parto decisa a fare qualcosa interpretandolo a modo mio e poi magari era un po' diverso…sicuramente erano ottimi anche senza uova!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *